martedì 5 novembre 2013

Recensione: Il gabbiano Jonathan Livingston

 Titolo: Il gabbiano Jonathan Livingston
Autore: Richard Bach
Pagine: 103
Prezzo di copertina: 8 euro
Editore: Bur

Trama:
Jonathan Livingston è un gabbiano che abbandona la massa dei comuni gabbiani per i quali volare non è che un semplice e goffo mezzo per procurarsi il cibo e impara a eseguire il volo come atto di perizia e intelligenza, fonte di perfezione e di gioia. Diventa così un simbolo, la guida ideale di chi ha la forza di ubbidire alla propria legge interiore; di chi prova un piacere particolare nel far bene le cose a cui si dedica. E con Jonathan il lettore viene trascinato in un'entusiasmante avventura di volo, di aria pura, di libertà.

Recensione:
Libro letto solo perché sapevo essere un piccolo (brevissimo) capolavoro, uno di quelli che non si può non leggere. Prima di aprirlo non avevo la più pallida idea di che cosa parlasse, l’unica cosa certa era che il protagonista era un gabbiano, ma mi chiedevo ‘’Che cosa avrà fatto questo gabbiano di così entusiasmante da scriverci un libro?’’. Però a fine lettura ho capito che è un libro come ‘’Il Piccolo Principe’’, dove sei tu che devi cercare minuziosamente ogni piccolo insegnamento rinchiuso sotto quello più esplicito: la libertà.
E’ questo ciò di cui il romanzo parla. La libertà di intraprendere la propria strada che, per quanto tortuosa sia, sarà l’unica in grado di darti felicità.
Jonathan insegna che si deve aver il coraggio di distinguersi dalla massa e di andare controcorrente. Questo è ciò che questo gabbiano, uscito fuori dalla fantasia dell’autore, è stato in grado di fare. Lui non aveva nessuna intenzione di passare la sua vita a volare solo per procurarsi cibo ma voleva volare perché gli piaceva…era la sua passione!
Di questo romanzo è comunque difficile fare una ‘Vera recensione’ perché ognuno può interpretarlo a suo modo ma solo se è capace di leggere tra le righe perché ogni frase di Bach è una metafora. Tutto il libro è una metafora. Per far capire che l’uomo è in ‘’prigione’’, intrappolato nella sua routine quotidiana e nella società che impone dei modelli…Ma bisogna riuscire a liberarsi, a non aver paura del giudizio altrui perché la tua vita avrà un senso solo se è hai scelto la strada giusta per te, per quanto lunga essa possa essere stata.

Consigliato a…
…chi vuole un libro leggero ma colmo di significati :)

Voto:















Link ad Amazon:
Se avete bisogno di informazioni in più, altre recensioni o di acquistarlo...

10 commenti:

  1. L'ho letto quest'estate, ed è uno dei pochissimi libri che quest'anno non ho recensito.. è che non mi è venuto proprio nulla da dire. Ma forse più avanti ci proverò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, come vedi, neanche la mia è una vera e propria recensione :)

      Elimina
  2. Ciao, eccomi qui, ti ringrazio per la visita al mio blog, così ho deciso di ricambiare, anche io da oggi ti seguo e ti faccio i complimenti per il blog, davvero molto carino e ben fatto. Semmai fossi interessata a leggere qualche ebook fammi sapere, sarei lieta di inviarteli, purtroppo non ho copie cartece dei miei libri.
    Un saluto
    Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te :) certo ti farò sapere :)

      Elimina
  3. è uno di quei libri che mi mancano ma di cui senti parlare spesso perchè, come dici tu, sono significativi!! lo cercherò in e-book!!

    RispondiElimina
  4. a proposito, da me premiuzzo per te!!

    RispondiElimina
  5. l'ho letto alle scuole medie, ma a quei tempi non è che riuscii ad apprezzarlo troppo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I libri letti per la scuola sono brutti per principio, di solito XD

      Elimina
  6. Ricordo che me lo regalarono da bambino, ma non ricordo di averlo effettivamente letto.

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...