domenica 12 gennaio 2014

Recensione: Raven Boys

Titolo: Raven Boys
Autore: Maggie Stiefvater
Pagine: 466
Prezzo di copertina: € 16.00
Editore: Rizzoli

Trama: È la vigilia di San Marco, la notte in cui le anime dei futuri morti si mostrano alle veggenti di Henrietta, Virginia. Blue, nata e cresciuta in una famiglia di sensitive, vede per la prima volta uno spirito e capisce che la profezia sta per compiersi: è lui il ragazzo di cui s'innamorerà e che è destinata a uccidere. Il suo nome è Gansey ed è uno dei ricchi studenti della Aglionby, prestigiosa scuola privata di Henrietta i cui studenti sono conosciuti come Raven Boys, i Ragazzi Corvo, per via dello stemma della scuola, e noti per essere portatori di guai. Blue si è sempre tenuta alla larga da loro, ma quando Gansey si presenta alla sua porta in cerca di aiuto, pur riconoscendolo come il ragazzo del destino non può voltargli le spalle. Insieme ad alcuni compagni, Gansey è da molto tempo sulle tracce della salma di Glendower, mitico re gallese il cui corpo è stato trafugato oltreoceano secoli prima e sepolto lungo la "linea di prateria" che attraversa Henrietta. La missione di Gansey non riguarda solo un'antica leggenda, ma è misteriosamente legata alla sua stessa vita. Blue decide di aiutare Gansey nella sua ricerca, lasciandosi coinvolgere in un'avventura che la porterà molto più lontano del previsto.

Recensione:
Dopo aver divorato le ultime 200 pagine in una sera sola posso dire che, con l'evolversi della
situazione, la storia diventava piuttosto intrigante. E per fortuna! La prima parte della narrazione non mi è piaciuta molto... non riuscivo ad affezionarmi ai personaggi e alla loro grande ricerca guidata dal giovane Gansey. Sentivo il libro come uno di quelli che "non fa per me per quanto possa essere bello", non mi appassionavo, niente mi invogliava a proseguire e percio' mi sentivo quasi emh...frustata?? (beh, non a questi livelli, dai! E' solo un romanzo, no?^^). Avevo letto (e continuo a leggere) recensioni da cinque stelline e opinioni da far uscire i cuoricini negli occhi e mi chiedevo "Perché non ottengo lo stesso effetto?". Fortunatamente riuscivo a rispondermi da solo: ognuno ha i suoi gusti e meno male! :D

Ma leggendo ho imparato ad amare Blue, i ragazzi corvo e le brillanti veggenti di Henrietta. Ma mi ci è voluto tempo. Troppo, per i miei gusti.
La svolta decisiva è avvenuta nel momento in cui la vicenda ha assunto sfumature di giallo intenso, da far invidia a classici del genere. Quando cio' avviene? Beh, non ve lo posso dire esplicitamente se non volete aver rovinata la sorpresa...ma un piccolo accenno: un ragazzo appare così com'è da sette lunghi anni! Per voi che l'avete letto: come forse avrete capito nel momento in cui si scopre che il timido Noah è un fantasma..

E' giusto spendere qualche riga per parlarvi dei personaggi, a questo punto :D
Blue. Un ragazza come tante altre, con la sua personalità, la sua famiglia da sopportare, la noiosa vita scolastica...se non fosse che è circondata da veggenti che, fin da quando era piccola, continuavano ad avvisarla facendole una premonizione più chiara di quanto dovrebbe essere apparsa e troppo ingiusta da essere vera: Blue è destinata ad uccidere il suo vero amore con un bacio. Pensandoci è una trovata davvero fantastica ma quando mi sono ritrovata la frase nel retro della copertina ho storto il naso pensando che l'intera storia girasse intorno all'amore e ai pensieri contorti della protagonista. Con un grosso sospiro di sollievo posso dirvi che non è così; Blue è troppo matura per piangersi addosso e non sembra badare molto al crudele destino. Preferisce capire ciò a cui va incontro e continuare a vivere la sua vita.
Sono proprio curiosa di sapere cosa si inventerà l'autrice su questo problema e soprattutto come riuscirà Blue a mantenere il sangue freddo.

Come si capisce dal titolo i Raven Boys hanno una notevole importanza nel corso della storia. Sono giovani, belli, ricchi (emh...quasi tutti) e arroganti. Arroganti e senza nessun ritegno; così appaiono alla gente che non frequenta la prestigiosa Aglionby. Per questo anche la protagonista la pensa così nella parte iniziale. E anche il lettore potrebbe pensarlo; a me è successo XD La scrittrice si è dimostrata brava a non far prevalere nessun punto di vista fin quando si fondono insieme grazie allo scorrere delle pagine.
Forse alcuni ragazzi corvo sono davvero così sfacciati ma i NOSTRI no. Non lo sono, ve lo assicuro. Possono sembrarlo perché ognuno si costruisce una spessa maschera dietro alla quale si nasconde insieme ai suoi punti deboli e alle paure più intime. Ma non lo sono davvero.
Gansey appare il capo che deve avere pieno controllo della situazione o almeno far apparire le cose in questo modo sfoggiando un elegante sorriso ma in realtà ha bisogno di un parere, di un semplice consenso da parte dei suoi amici, di un aiuto nella sua ricerca e di sicurezza in chi lo circonda.
Adam -il mio preferito- sembra timido e insicuro ma in realtà è solo calmo. Ha bisogno di pace dopo essere uscito dall'inferno di casa sua, dove non c'è traccia di ricchezza ma solo di violenza. Ha bisogno di indipendenza; di un lavoro -più di uno, in realtà- per scappare da questo ambiente crudele e avere una vita sua. Non vuole sentirsi in debito con nessuno, neppure con il suo migliore amico.
Ronan. Il ragazzo che nessuna madre vorrebbe vedere apparire in compagnia della figlia. Dallo sguardo tagliente, la testa rasata,i l linguaggio crudo e diretto e pochi scrupoli a usare le mani. Un vero duro, direte. Chi lo conosce sa che non è davvero così. Ha paura di essere circondato di persone false, pronte a voltarti le spalle. Ha bisogno di un cuore a portata di mano, nel quale possa nascondere la sua sensibilità: questo caldo cuoricino sarà quello di un corvo che accudirà come un figlio.
Noah è imperscrutabile, davvero timido e calorosamente affettuoso. Ma in realtà non è davvero caldo e si rivelerà ciò che mi ha sorpreso e lasciato a bocca aperta nella parte finale della storia.

Come vedete ogni personaggio è caratterizzato alla perfezione. Ma ci sono ancora tantissimi dubbi che rimangono alla fine del primo volume. Impossibile dire chi sarà il vero amore di Blue, anche se già l'inizio lascia capire sia Gansey potrebbe essere Adam (e non mi dispiacerebbe affatto ^^). 
Ci sono troppi punti interrogativi alla fine del libro. Una conclusione troppo aperta. L'epilogo l'ho trovato poco soddisfacente... Rimango infastidita da quei libri che finiscono così ...puff...in modo da invogliarti a comprare il successivo .-. Ok, l'autrice ci è riuscita appieno ma ciò non la giustifica XD E la cosa più brutta è che non è neppure uscito in Italia ancora  :(

Un avviso. Ci sono tanti errori di grammatica, probabilmente di battitura, fatti durante la traduzione. Fastidiossimi e -oserei dire- a livello elementare o.O Non dico che la traduttrice non sappia scrivere perché è riuscita a interpretare passo passo tutto quello che la Stiefvater voleva comunicare ai lettori, rendendo onore al testo, ma questi "E(o)rrori" balzano subito all'occhio! Possibile che prima di pubblicare centinaia di copie nessuno se ne sia accorto?? Volete un esempio? A pagina 373 si legge chiaramente " ...ha fatto invaghire Maura, l'ha resa un'amica inutile per un hanno...". Scherziamo??? 'Anno' con la acca? Allucinante! Non è l'unico ma questo è il più evidente -e ridicolo- di tutti .-.

In conclusione, continuerò di certo la serie, mi aspettavo qualcosina in più...ma si sa che non ci si dovrebbero fare troppe illusioni :D Libro consigliato, comunque :)

Consigliato a…
...chi necessita di qualcosa di nuovo, mai visto, con un tocco di misterioso. Ah...leggetelo se gli errori di traduzione non vi fanno infuriare :D

E voi avete letto questo tanto acclamato libro? ^^

Voto:


Link ad Amazon:
Se avete bisogno di informazioni in più, altre recensioni o di acquistarlo...

11 commenti:

  1. Io lo leggerò prossimamente, non vedo l'ora.. peccato per gli errori :(

    RispondiElimina
  2. Ancora non so se leggerlo o meno!
    La trama non mi attira molto, ma dalla recensione sembra abbastanza carino, specialmente i personaggi, che sembrano interessanti! Poi tutte queste recensioni positive.. Vedremo..

    RispondiElimina
  3. io non ho letto ancora niente della stievfater (peggio x me xd) ma prima di leggere questo penso punterò a "la corsa delle onde" visto che ha lasciato entusiasti i lettori e che è autoconclusivo......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene ad avvicinarsi all'autrice con un libro autoconclusivo XD dovevo farlo anchio ;(

      Elimina
  4. Non l'ho ancora letto.. essendo uscito solo il primo volevo aspettare ancora un pò..per non dover attendere troppo tempo prima dei seguiti!
    Comunque io adoro la Stiefvater.. la trilogia dei lupi l'ho amata tantissimo, quindi so che presto cederò anche a questo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è proprio brutto dover aspettare per i seguiti :(

      Elimina
  5. Ce l'ho da un paio di settimane, sono curiosa di leggerlo!

    RispondiElimina
  6. Ciao, eccomi qua appena iscritta. ^_^ . Sono contenta di leggere che anche tu pensavi: "Come mai piace a tutti e non a me?" Anche io all'inizio non ero entrata in sintonia. Ma qualcosa è cambiato appena Blue si è unita ai ragazzi corvo e la trama è decollata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver fatto un salto qui :D Almeno siamo in due a pensarla così XD

      Elimina
  7. Per ora non lo ancora letto, e non vedo l'ora di farlo. Spero solo che mi piaccia.

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...