sabato 18 gennaio 2014

Wish List #4: tra italiano e inglese ^^

*Wish List: Sono sicura che a tutte è capitato almeno una volta di rimanere con il naso incollato a una vetrina ad ammirare un oggetto che le ha fatto brillare gli occhi, che questo sia un vestito, una collana o ... un libro. Ecco qui la rubrica nel quale posterò i romanzi che mi hanno conquistato a prima vista...e ovviamente voi siete chiamate a fare lo stesso nei commenti.*
E finalmente è sabato :D E' stata una settimana piena tra blog e scuola sono sfinita XP In questo fine settimana devo fare troppe cose, però: studiare (ovviamente ^^), preparare un'intervista, farmi venire un 'idea per una collaborazione con Ika, finire quella con la dolce Effy... Aiuto!! 
Ma sono comunque contenta perché sto per creare una bellissima rubrica con un'altra blogger, una rubrica un po' particolare: non vi posso rivelare niente perché c'è tanto lavoro da fare e prima dobbiamo fare qualche prova. E poi, ragazzi, in questi giorni c'è il primo giveaway del blog! Non potrei essere più contenta! 

Ora passiamo al post di oggi :D Altre entrate nella mia wish list :) Fra poco devo fare un ordine su Amazon.it e devo scegliere qualche bel libro, anche in inglese :D
Questa volta sono addirittura indecisa in che lingua leggere i libri...

Ah...Posso chiedervi una cosa? Non è che potete commentare la sezione Wish List per darmi qualche consiglio sui romanzi che avete già letto? Per chiunque lo faccia, grazie davvero :3

Stardust di Neil Gaiman
Trama:In una fredda sera di ottobre una stella cadente attraversa il cielo e il giovane Tristan, per conquistare la bellissima Victoria, promette di andarla a prendere. Dovrà così oltrepassare il varco proibito nel muro di pietra a est del villaggio e avventurarsi nel bosco dove ogni nove anni si raccoglie un incredibile mercato di oggetti magici. È solo in quell'occasione che agli umani è concesso inoltrarsi nel mondo di Faerie. Tristan non sa di essere stato concepito proprio lì da una bellissima fata dagli occhi viola e da un giovane umano e non sa neppure che i malvagi figli del Signore degli Alti Dirupi sono anche loro a caccia della stella...







Mi ispira perché: ho letto così tanti pareri contrastanti di questo libro che non so più che pensare...perciò DEVO farmi una mia idea :D


Il colore del tè di Hannah Tunnicliffe 
Trama: Macao è una Las Vegas d'Oriente, con la sua umanità chiassosa, i profumi esotici, il denaro che scorre a fiumi. Ma per Grace Miller, che vi si è appena trasferita con il marito, il primo impatto è desolante: la città le è aliena e lei, con i suoi esuberanti capelli rossi, quando passeggia per strada si sente un pesce fuor d'acqua. E l'ossessione per i figli che non riesce ad avere sta logorando anche il suo matrimonio. L'unica alternativa alla depressione è cambiare vita, con un pizzico di follia, come avrebbe certamente fatto quell'eccentrica di sua madre. Così, anziché sottoporsi a un ennesimo tentativo di fecondazione assistita, decide di aprire una sala da tè in puro stile parigino nel cuore della città. Aiutata da Leon, elegante chef francese, Grace si apre all'arte e ai misteri della cucina e mette a punto una ricetta che farà furore: i macarons, fragranti e delicate meringhette colorate come pietre preziose. Tra confidenze e ricette, rimpianti e passioni, intorno ai tavolini del suo locale si intrecceranno le esistenze di donne di tradizioni e origini diverse. E ascoltando le loro storie, Grace troverà finalmente dentro di sé la forza per guardare la vita con occhi diversi.

Mi ispira perché:
 ha una trama che ricorda un po' Mangia Prega Ama, libro che ho amato davvero molto...perciò voglio proprio vedere cosa mi può dare un'altra lettura del genere. Però non so se lo prenderò in italiano o in inglese (titolo originale: The colour of tea)...che dubbio atroce! Le pagine non sono moltissime (300, se non sbaglio ^^) quindi potrei tentare, no?

Chocolat
Trama: A Lansquenet, quieto villaggio al centro della Francia, la vita scorre placida. Un po' troppo placida: è una comunità chiusa, dove sono rimasti soprattutto anziani contadini e artigiani, dominata con rude benevolenza dal giovane curato Francis Reynaud. È martedì grasso - una tradizione pagana avversata dalla chiesa - quando nel villaggio arrivano Vianne Rocher e la sua giovane figlia Anouk. La donna è assai simpatica e originale, sexy e misteriosa, forse è remissaria di potenze superiori (o magari inferiori). Vianne rileva una vecchia pasticceria, ribattezzata "La Celeste Praline", che ben presto diviene - agli occhi del curato - un elemento di disordine. Anche perché Vianne non frequenta la chiesa ma inizia ad aiutare a modo suo chi si trova in difficoltà: il solitario maestro in pensione Guillaume, l'adolescente ribelle Jeannot, la cleptomane Josephine, l'eccentrica Armande. Ben presto il tranquillo villaggio diventa più disordinato, ribelle e soprattutto felice. E lo scontro tra Benpensanti e Golosi, tra le delizie terrestri offerte da Vianne e quelle celesti promesse da padre Reynaud, tra Carnevale e Quaresima, diventa inevitabile.

Mi ispira perché: 
anche questo libro è stato tanto commentato e criticato. Alcuni hanno detto che è uno dei pochi libri meno belli del film omonimo. Voglio sapere se è vero... Da leggere...mmh...in italiano, credo :D
***
Ora passiamo ai libri che, se mai leggerò, saranno in inglese :D

The sky is everywhere di Jandy Nelson
Trama: La diciassettenne Lennie Walker è praticamente perfetta: ama i libri, suona il clarinetto nella banda della scuola e trascorre gran parte del suo tempo felicemente riparata dall'ombra della volitiva sorella maggiore, Bailey. Ma quando Bailey muore, d'improvviso Lennie si ritrova catapultata al centro del palcoscenico della vita. E, a dispetto della sua inesistente esperienza con l'altro sesso, si troverà a barcamenarsi tra le attenzioni di ben due ragazzi. Toby è l'ex fidanzato di Bailey: il suo dolore fa da eco a quello di Lennie. Joe, invece, si è da poco trasferito in città, dopo un'infanzia trascorsa a Parigi, e il suo magico sorriso sembra essere eguagliato solo dal suo straordinario talento musicale. Per Lennie, Toby e Joe sono come il sole e la luna: se uno è capace di spazzar via il dolore, l'altro le offre conforto. Eppure, proprio come le loro controparti celesti, i due ragazzi non possono incontrarsi l'uno nell'orbita dell'altro senza che il mondo esploda.

M ispira perché: 
la storia sembra particolare, dolce e drammatica in un colpo solo... mi auguro che non sia impossibile leggerla in lingua capendo la storia.

Howl's Moving Castle di Diana Wynne Jones
Trama: La giovane Sophie vive a Market Chipping, nel lontano e bizzarro paese di Ingary, un posto dove può succedere di tutto, specialmente quando la Strega delle Terre Desolate perde la pazienza. Sophie sogna di vivere una grande avventura, ma da quando le sorelle se ne sono andate di casa e lei è rimasta sola a lavorare nel negozio di cappelli del padre, le sue giornate trascorrono ancor più tranquille e monotone. Finché un giorno la perfida strega, per niente soddisfatta dei cappelli che Sophie le propone, trasforma la ragazza in una vecchia. Allora anche Sophie è costretta a partire, e ad affrontare un viaggio che la porterà a stipulare un patto col Mago Howl, a entrare nel suo castello sempre in movimento, a domare un demone, e infine a opporsi alla perfida Strega.




Mi ispira perché:
Tutti conoscerete il fantastico film di animazione "Il castello errante di Howl"...io l'avevo visto quando ero più piccolo e mi era piaciuto parecchio ma pensandoci so' di non aver colto ogni singolo significato che contiene...perciò perché non leggere il libro?

Alice in Wonderland di Lewis Carroll
Trama: Nel Paese delle Meraviglie non valgono le leggi della fisica: si cade per chilometri (forse, ma non si è sicuri) senza farsi niente. Non valgono le leggi del buon senso e dell'educazione: una fanciulla britannica di buona famiglia può permettersi di bere intrugli quantomeno sospetti, o di sbocconcellare funghi magici seguendo i consigli di un bruco drogato. Può infrangere tutte le noiose poesie edificanti propinatele da pseudopoeti bacchettoni, stravolgendole in strofe di una crudeltà e di un'anarchia inaudite. Nel Paese delle Meraviglie non ci sono regole predefinite: è una bambina disambientata a creare il mondo e le entità che lo popolano. Alice non va dove la porta il cuore: va dove la porta il caos.





Mi ispira perché:
Chiunque conosce Alice nel Paese delle Meraviglie e sono anche in molti a consigliarlo come lettura in inglese, per chi è in cerca di una lettura leggere. L'edizione che trovate qui, cioè quella che ho adocchiato, costa davvero poco e contiene anche "Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò" quindi penso valga la pena comprarlo...e migliorare l'inglese con un classico. Un motivo per comprarne uno! XD

Finito anche per oggi! ^^ Che ne pensate di questi libri?
Quali libri si sono aggiunti alla vostra Wish List ultimamente?

Francy








14 commenti:

  1. Il castello errante di Howl a me è piaciuto moltissimo! Ogni tanto lo rileggo perché è decisamente uno dei miei preferiti ^^

    RispondiElimina
  2. Howl's Moving Castle e Stardust mi ispirano un sacco, infatti è da un po' che li tengo d'occhio, in cerca del momento giusto per prenderli *_*

    RispondiElimina
  3. come sai, Alice nel paese delle meraviglie mi è piaciuto *-*

    RispondiElimina
  4. Ho letto Howl's moving castle e... quasi lo preferisco al film (il che è tutto dire...) QUASI eh! Miyazaki è un genio, e solo lui poteva rendere così bene un libro del genere senza rovinarlo!

    RispondiElimina
  5. Hai ragione... la nostra collaborazione D: non ho proprio idee ç__ç sono molto creativa insomma! -.- Comunque alcuni di questi libri sono anche nella mia wishlist! :D

    RispondiElimina
  6. 'Stardust' personalmente non ti consiglio troppo di leggerlo. Io lo ho trovato noioso. Poi ovviamente i gusti sono gusti.
    l'ip castello errante di Howl' invece lo ho trovato molto carino, come avevo detto anche nella recensione.

    RispondiElimina
  7. "Howl's moving castle" sembra davvero grazioso, e anche "The sky is everywhere" e "Il colore del tè".
    "Alice in Wonderland" è un classico davvero meraviglioso, iconico e intramontabile! *^*

    RispondiElimina
  8. The sky is everywhere devo leggerlo anche io e non vedo l'ora perchè ho letto recensioni troppo belle a riguardo :)

    RispondiElimina
  9. @serana, @Siannalyn: spero che piaccia così tanto anche a me :D
    @angela emme: se è più bello del cartone...hai DAVVERO detto tutto *.*
    @ika: ci dobbiamo proprio spremere il cervello *pensapensapensa*
    @Ilenia T.D Lemon: allora andrò cauta con Stardust :3
    @Butterfy Effect: "ironico" è la parola giusta :D
    @claudina: ci si sono moltissime recensione positive, hai ragione :D

    RispondiElimina
  10. Ciao!
    A me il libro de Il castello errante di Howl non è piaciuto granchè perchè l'ho trovato confusionario. Inoltre -ma spero sia colpa della traduzione in lingua italiana e non delle carenze dell'autrice - è scritto anche malino, almeno io la penso così. Peccato perchè desideravo tantissimo leggerlo e approfondire l'argomento perchè il film mi piacqua tantissimo ai tempi! Ammetto di aver trovato degli approfondimenti interessanti e dei dettagli a livello di trama belli che nel film sono stati un pochetto sminchiati :p Però dai,il suo posto nella mia libreria non glielo toglie nessuno perchè nel complesso non penso affatto di aver perso tempo leggendolo.

    RispondiElimina
  11. @Robbin spero davvero sia colpa della traduzione :3

    RispondiElimina
  12. Alice nel paese delle meraviglie è assolutamente da leggere in inglese!
    È stato il primo libro che ho letto in inglese in versione integrale. Conoscendo la storia, non è molto difficile leggerlo, anche se mi sono accorta che il cartone della Disney ha mischiato i due libri e non lo sapevo...
    Anche in italiano è bello, però in inglese si colgono certi giochi di parole, tipo tale: coda o racconto?
    Gli altri libri non li conosco, però ho visto il film de 'Il castello errante di Howl' ed è davvero bello :)

    RispondiElimina
  13. Mi piace molto la trama di The Sky is everywhere... Alice in wonderland è molto abbordabile in inglese ! Buon fine settimana, Alessandra

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...