martedì 26 agosto 2014

La casa di un grande scrittore: Luigi Pirandello

26 Agosto. Non voglio crederci. No. No. No. La disperazione comincia ad impossessarsi di me; ancora un paio di giorni e le vacanze sono 'ufficialmente' finite per me. Ok, ancora niente scuola ma... le partenze sono orribili, si sa. 
Oggi condividerò con voi una visita che ho fatto una decina di giorni fa che riguarda l'ambito letterario, perciò perfettamente inerente al mio blog!
Parleremo della casa di... Luigi Pirandello! L'avevate già intuito arci-super-extra capito dal titolo del post, chi voglio ingannare? ♥
Durante una gita ad Agrigento -alla Valle dei Templi- ho convinto i miei genitori a fare una sosta a casa dello scrittore: non avevo mai letto una sua opera (ora solamente Il fu Mattia Pascal) e le uniche nozioni su di lui mi arrivavano da vaghi (non troppo...) ricordi della scuola media. Ma l'occasione era comunque irripetibile; chi mi ci avrebbe portato di nuovo ad Agrigento? Non potevo aspettare di saperne di più perciò... nonostante le poche informazioni che avevo... me la sono fatta piacere!
L'ingresso. E' evidente che si tratta di una villa di gente nobile; acquistata nel 1817 dalla famiglia di Pirandello per sfuggire al colera che andava diffondendosi nell'intera Sicilia e dichiarata monumento nel 1949, tredici anni dopo la morte dell'autore, morto il 10 dicembre 1936.

Il cortile. Dove domina il busto di Pirandello; su questo spiazzale si affaccia il primo piano, al quale si accede tramite una scalinata, e il piano terra, arredato come il salotto dello scrittore. Qui si possono ammirare i quadri della sorella Lina.
 
Il primo piano. Adibito a museo, che conserva però mobili e fattezze della casa originaria; un esempio è il tetto, rimasto immutato.
Vari scritti. La prima foto rappresenta alcune lettere mandate da Pirandello al fratello, la successiva è -come si legge- il taccuino dello scrittore che tenne nel periodo in cui visse a Bonn, Germania.
Nell'ultima potete (no, forse non è molto leggibile) il registro di classe sul cui appare il nome 'Pirandello Luigi': con mia grande sorpresa ho scoperto che in italiano non era una cima; i 4 non mancavano!
Passeggiata al Pino e la tomba. All'ingresso della struttura si nota un cartello che indirizza verso la passeggiate che Pirandello faceva quando abitava nel Caos, a casa. Un percorso dal quale si vede il mare e tanto tanto verde. Porta fino al grande blocco di pietra usato come tomba monumentale.
 
La vista. Uno scorcio di cielo circondato da alberi. Bellissimo, secondo me! Niente di particolare ma d'effetto: adesso capisco cosa gli dava l'ispirazione!

Una visita diversa dai soliti musei, che possono risultare anche noiosi. Conoscere i luoghi mi ha fatto crescere la voglia di leggere le opere di Pirandello e così -pochi giorni dopo- mi sono ritrovata con Il fu Mattia Pascal tra le mani, di cui qui trovate la recensione.
Questa esperienza ha confermato la mia idea: se le esperienze si fanno studiare diventa meno pesante. Un po' come nel momento in cui ti tocca imparare la struttura di una chiesa romanica dettaglio dopo dettaglio e ci impieghi un'eternità. E invece se la vedi la ricordi, la foto ti rimane impressa. 
E' stato lo stesso.

Voi ci siete stati? Avete mai pensato di farci un salto, se abitate lì vicino? O ad Agrigento avete evitato (non per vostra volontà per forza) la casa natale di Pirandello? Fatemi sapere!

Francy

6 commenti:

  1. Ciao Francy^^ Bel post!
    Anchio ci sono stato ad Agrigento. È stata una bellissima giornata, sia per il caldo sia per i posti visitati. Persino a me, non tanto amante di Pirandello, mi è piaciuta la casa, soprattutto la passeggiata (anche se c'era stato un incendio nella valle qualche ora prima). Per non parlare dei templi, grandi passeggiate in mezzo ai monumenti greci :P
    Sono contento che ti sia piaciuta questa gita ... la consiglierei a tutti una giornata come questa totalmente immersa nella cultura ^^

    RispondiElimina
  2. Ciao Francy, grazie per questa interessante visita virtuale alla casa natale di Pirandello!
    Pensa che anche io durante le vacanze sono stata a visitare la Valle dei Templi (magnifici vero?) e volevamo anche andare a vedere la casa di Pirandello, ma non ne abbiamo più avuto il tempo... per questo ho letto davvero con molto piacere questo tuo post... grazie ancora ;-)

    RispondiElimina
  3. Io non amo visitare le case della gente famosa, in generale non mi dicono un granchè....
    P.S. ho visto anch'io Dragon TRainer 2 ieri, bellino proprio ^^
    Goditi gli ultimi giorni senza scuola!!!

    RispondiElimina
  4. molto interessante davvero!!
    a me piacerebbe visitare le case degli scrittori (o di altre persone famose per altre cose), una cosa che mi affascina moltissimo!!!

    di pirandello ho letto qualcosa anche io per motivi di studio e l'ho apprezzato!!
    ciao francy, goditi questi giorni e non pensare che finiranno!!

    RispondiElimina
  5. Una visita davvero interessante :)

    Ti ho taggata qui: http://caprioledinchiostro.blogspot.it/2014/08/the-very-inspiring-blogger-award.html
    Spero ti faccia piacere ^^

    RispondiElimina
  6. Wow, io adoro Pirandello ed il mio libro preferito è Uno nessuno e centomila! stupendo!

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...