venerdì 1 agosto 2014

Recensione: Resta anche domani

Autore: Gayle Forman
Pagine: 259
Prezzo di copertina: 15.00 euro
Editore: Mondadori

Trama:
Non ti aspetteresti di sentire anche dopo. Eppure la musica continua a uscire dall'autoradio, attraverso le lamiere fumanti. E Mia continua a sentirla, mentre vede se stessa sul ciglio della strada e i genitori poco più in là, uccisi dall'impatto con il camion. Mia è in coma, ma la sua mente vede, soffre, ragiona e, soprattutto, ricorda. La passione per il violoncello e il sogno di diventare una grande musicista, l'ironia implacabile di Kim e la scazzottata che ha inaugurato la loro amicizia, l'amore di un ragazzo che sta per diventare una rockstar e la prima volta che, tra le sue mani, si è sentita vibrare come un delicato strumento. Ma ricorda anche quello che non troverà al suo risveglio: la tenerezza arruffata di suo padre, la grinta di sua madre, la vivacità del piccolo Teddy, l'emozione di vivere ogni giorno in una famiglia di ex batteristi punk e indomabili femministe. A tanta vita non si può rinunciare. Ma cosa rimane di lei, adesso, per cui valga la pena restare anche domani?

Recensione:
La vita è imprevedibile. Cosa ti riserva il destino è un mistero; ogni giorno è un occasione per vivere ma anche una possibile fine. Ok, fine non per forza della tua esistenza ma di tante altre cose. Una storia d'amore. Un'amicizia. Una serie tv. Una giornata al mare. Tutto ha una conclusione, prima o poi. Ma ci si aspetta sempre che non sia presto, che non sia troppo presto. Soprattutto se si parla della vita. A diciassette anni la morte si presenta inaspettata: si è pronti ad accoglierla? 
Si direbbe di no all'istante. Come se il morire sia sempre peggio del vivere. Mia ci dimostra che i fattori da considerare sono innumerevoli. Vivere da orfana o morire raggiungendo la sua famiglia perfetta? E' che la ragazza ha perso l'amore che la circondava in un istante, un incidente e la vita se n'è andata dal padre batterista, dalla madre affettuosa e dal fratellino Teddy.
Altre persone la aspettano intorno al suo letto di ospedale, attendono che lei decida -che scelga di restare oppure di raggiungere i suoi cari. Con la speranza nel cuore la aspettano; trascorrono ore nella clinica a ricordare, a parlare a Mia. E a realizzare che è successo. Una disgrazia ha sgretolato una famiglia proprio come fosse un muro ormai bisognoso di ristrutturazione. Ma nessuno potrà rimetterla insieme con un po' di intonaco bianco.


Kim aspetta Mia. Si fa forza, da vera amica. Perché l'amicizia è stare insieme nei momenti difficili e sdrammatizzare, non appesantire l'aria più di quanto non sia già. Con la sua ironia le tiene la mano senza vita e gliela stringe dandole un po' di vita, che a lei non manca.
E Mia, la Mia fantasma -che vede tutto, sente tutto, ma è impotente- ricorda i momenti passati con lei. La prima litigata, i loro patti silenziosi che sapevano solamente loro, le loro idee da ragazze serie, le giornate che passavano in un'ora non sono forse episodi che vorrebbe rivivere con Kim? Perché anche l'amicizia è amare. E solo decidendo di stare potrà farlo.

Adam aspetta mia. Combatte per vederla; la ama anche così. Senza respiro, avvolta da un velo di morte che se la vuole portare via. E' il cantante e chitarrista del gruppo rock ''Shooting Star'' che sta facendo carriera ma è disposto a rinunciare a tutto pur di averla ancora in vita. La dimostrazione che Adam mette la sua ragazza prima di tutto; ma non è l'amore sdolcinato che lo rende così ma le circostanze: il continuare a vivere di Mia contro la sua vita da musicista.
E lei non può fare altro che guardare. Fissare Adam che si dispera ed ha paura di perderla. I dolci ricordi che li legano le tornano in testa di continuo; altri motivi per restare.
Qui la frase che l'innamorato rivolge a Mia; può lasciare la band, stare con lei per sempre e fare quello che lei desidera; perché la speranza è l'ultima a morire.
“If you stay, I’ll do whatever you want. I’ll quit the band; go with you to New York. But if you need me to go away, I’ll do that too. .. And that would suck, but I’ll do it. I can lose you like that, if I don’t lose you today. I’ll let you go. If you stay.”


I suoi nonni aspettano Mia. Ancora sconvolti per la perdita di un figlio devono affrontare la lotta di Mia e farle forza, sotto consiglio delle infermiere che li sommergono di raccomandazioni.
Mi fanno quasi pena. Due anziani oramai non dovrebbero più superare lo shock di una perdita in famiglia; sono loro che se ne vanno per primi a quel punto. Invece no. Perdono un pezzo di loro. Un pezzo di famiglia.
I ricordi di quando era più piccola accompagnano Mia e la cullano intanto che pensa ai suoi nonni; e sta loro accanto. Nonostante tutto, se resta, ha anche loro.

Un romanzo drammatico, tragico. Una famiglia che si spezza nel giro di pochi secondi. Quattro persone legate che in un secondo non si parleranno più. E' preoccupante pensare che potrebbe succedere a ognuno di noi in qualsiasi momento; sono imprevisti che cambiano la vita.
Resta anche domani rende più prudenti; come se le esperienze degli altri possano aiutare a vivere la propria vita nel migliore dei modi. Che poi gli incidenti capitano lo stesso -lo so- ma stare attenti può essere di aiuto.
Mi ha messo dentro un po' di angoscia. Come se dovessi fare tutto subito, potrei morire da un momento all'altro. Ok, adesso sono esagerata. Ma lo scopo del libro era anche questo: dire ''Vivi ogni momento. Raccogli ogni emozioni. Coltiva le tue passioni''.

La passione di Mia è quella più rilevante. La musica. Nei momenti difficili il suo violoncello era lì con lei, lo suonava con grazia sfiorandone le corde una dopo l'altra.
La ragazza ricorda dove il suo strumento l'ha portata; le persone che le ha permesso di incontrare, i ricordi che sembrano così vicini...
Le sue sensazioni le capiamo tutte. Le facciamo nostre, in pratica. Poiché è Mia che ci parla. Separata dal suo corpo freddo ed immobile, girovaga per l'ospedale osservando la gente e ricorda la sua vita e immagina come sarà, se mai decidesse di restare.




If I stay -titolo originale stampato sulla cover della copia in mio possesso, letto in inglese- è una storia di scelte. Di vita e di morte.
Non posso aspettare tanto per leggere il seguito; mi è entrato nel cuore. Angelica è stata una manna dal cielo consigliandomelo. E posso dirle che tutti i suoi dubbi del tipo ''spero che ti piaccia... se non ti piace aiuto!'' sono ormai risolti: l'ho adorato.
Oltre al secondo volume attendo anche il film. Sono curiosa di sapere come faranno a rendere Mia quella specie di fantasma né troppo viva né troppo morta.
Come è ovvio Resta anche domani si aggiudica cinque stelline. Perché parlare di tragedie, di famiglie spezzate, di amore fa bene e permette di apprezzare la vita così come ci viene donata.

Consigliato a...
... chi ha voglia di un romanzo reale, drammatico. Dove la tragedia è nella protagonista stessa.

Voto:













Link ad Amazon:
Se avete bisogno di informazioni in più, altre recensioni o di acquistarlo...

9 commenti:

  1. Io non l'ho trovato poi tanto tragico, anzi: mi ha trasmesso tanta positività, nonostante il dramma. Il film, almeno dal trailer, lo vedo un po' più emotivo. :)

    RispondiElimina
  2. All'inizio non mi ispirava molto, ma ora sono proprio curiosa di leggerlo, prima che esca il film. Sto leggendo molte recensioni positive e la nuova cover mi piace di sicuro di più di quella vecchia, che è proprio insulsa.. Inoltre sono contenta che abbiano deciso di pubblicare anche il seguito pure da noi! :)

    RispondiElimina
  3. Anch'io l'ho letto da poco approfittando della ristampa :) Anche a me è piaciuto veramente tanto! Non vedo l'ora che esca il film @.@

    RispondiElimina
  4. wow non posso rimandarne la lettura!!!

    RispondiElimina
  5. Sono felice che sia piaciuto anche a te! Tra l'altro credo proprio che prima o poi comprerò questa nuova edizione perché adoro la cover.. anche se resto affezionata alla mia vecchia copertina xD

    RispondiElimina
  6. Stupendo questo libro *__* Non vedo l'ora che esca il film!

    RispondiElimina
  7. voglio leggerlo anch'io, però in un periodo più sereno...adesso sono depressa e ho bisogno di libri ironici...

    RispondiElimina
  8. *______*lo devo mettere tra i libri da leggere il prima possibile..*_________*..bellissimo...

    RispondiElimina
  9. Com'è che io non ho commentato questo post? Ma dove stavo con la testa? <3 <3 <3

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...