giovedì 25 settembre 2014

Compiti dai romanzi: Summer School

Ciao a tutti, Lettori! ♥ Post particolare oggi! Poco tempo fa è finita la Summer School, una sorta di scuola dedicata ai protagonisti di famosissime saghe, divisa in quattro tappe! Una vera scuola completa di spiegazioni e interrogazioni; non che mi mancasse così tanto la scuola anche in estate ma ho partecipato ☻ E ho fatto bene... Sono stata tra le vincitrici! ♥ Mi arriverà presto Will ti presento Will di John Green; lo studio da sempre i suoi frutti, eh? Grazie a voi che avete reso possibile tutto ciò!
Ma vi chiederete che cosa c'entra questo post con la Summer School... ehh, voglio condividere con voi ''le mie verifiche'' dato che non sono andate proprio male! E' un modo di farvi ridere un pochino e capire quanto impegno serve soltanto per un gioco se c'è di mezzo la scuola!
Come è ovvio non vi lascio ogni singola prova ma soltanto quelli che potrebbero definirsi dei 'temi'.
La terza parte di ogni interrogazione era infatti una prova di 'scrittura creativa' dove le blogger si sono inventate divertentissime consegne da fare svolgere ai partecipanti.
Il post sarà un po' lungo, lo so! Se non avete voglia di leggerlo tutto (vi capisco, non preoccupatevi ♥) scegliete il pezzettino che vi ispira di più! Si parla di Percy Jackson su Dreaming Fantasy, di  Shadowhunters su Parole di Carta mentre Al mare con Esse ospita la tappa del maghetto Harry Potter e infine A thousand imaginary Worlds ci parla di Hunger Games! 
Ho dovuto inventarmi le regole della Quarta Edizione della Memoria, descrivere le proprietà di una pianta magica nata dalla mia fantasia, scrivere una lettera ad un personaggio di un libro che nemmeno ho letto e immaginarmi davanti all'Oracolo di Delfi... Beh, è stato faticoso ma per niente noioso ♥

Hunger Games
Per ogni Edizione della Memoria, gli strateghi hanno scritto una pergamena in cui erano contenute le regole di quella determinata edizione dei giochi. Ora, immaginatevi strateghi. Immaginate di dover progettare un'Edizione della Memoria. Cosa ne verrebbe fuori? Scrivete la vostra pergamena, e siate creativi più che potete!
4ª Edizione della Memoria: Per ricordare ai ribelli che l'unione non serve, verrà estratta una famiglia di ogni distretto.
Quest'anno -per la quarta Edizione della memoria- non ci saranno tributi. Ma famiglie. Persone che hanno causato la distruzione tramite i propri antenati, persone che non hanno combattuto per Panem, persone che si sono rifugiate nelle loro case. Ora saranno costrette a mettersi in gioco.
Nonostante sia l'intera famiglia a partecipare, solo un membro potrà uscire vivo dagli Hunger Games. Per dimostrare che non c'è unione che tenga di fronte alla distruzione totale, davanti alla fame, alla sete, al freddo, al fuoco... Che solo il più forte esce illeso.
Potrebbero comunque esserci ripensamenti nel corso della gara se i tributi si riveleranno troppo deboli da sopportare la perdita; se questo si verificasse però sarebbero già sconfitti in partenza e la gloria -tanto ricercata- anche se si verificasse la vincita verrebbe privata
Perciò -Attenzione!!- vinci da vincitore, non da sconfitto. Altrimenti la perdita dei propri cari si rivelerebbe inutile.
I bambini non saranno in alcun modo avvantaggiati: saranno perseguitati come tutti gli altri per dimostrare che la giovane età non significa forza di spirito e nemmeno forza corporale. 
I neonati subiranno lo stesso trattamento: le loro cure saranno affidate soltanto alle madri, che dovranno riuscire a badare ad entrambi.
In presenza di animali domestici essi entreranno nell'Arena; difficilmente ne usciranno. Il vincitore può essere solamente un essere umano: non coinvolgiamo esseri di altra natura in una sfida che ha causato solo l'uomo.
E adesso, Distretti! I nomi delle famiglie che dovranno tenere alto l'onore verranno estratti!
Gli Strateghi
Voto: 9


Harry Potter
Descrivi e caratterizza, di tua totale fantasia e immaginazione - come in un libro scolastico - un animale, una pianta, una pozione o una bacchetta.
Potterulus

Il Potterùlus (o Potterulùs) è una pianta erbacea che cresce esclusivamente nelle più isolate zone dell'Inghilterra. E' caratterizzata da un forte profumo pungente, molto simile alla menta (aroma utilizzato dai Babbani) che può causare sonnolenza dopo 2-3 ore di vicinanza.
Il Potterùlus è piuttosto rara (vedi prima riga) e perciò poco conosciuta anche nel mondo dei maghi. Gli unici commercianti che ne possiedono si trovano a Hogsmeade. Questa scarsa reperibilità ha causato un commercio illegale che gli abitanti delle zone che ne possiedono portano avanti: ciò potrebbe portare non solo a una diminuzione della qualità della pianta ma addirittura a un aumento dell'utilizzo illegittimo della magia.
Quest'erba è difatti famosa per le sue proprietà benefiche nel mondo dei maghi ma anche per i disastri causati -nel corso della Storia della Magia- in quello dei Babbani.
L'utilità consiste nel potenziare temporaneamente l'efficacia di un incantesimo; usato perciò da quei maghi che necessitavano far pratica e migliorarsi nel minor tempo possibile per questioni lavorative o di importanza nazionale. Se nel mondo dei maghi i vantaggi sono tanti ancora di più sono danni che potrebbe causare tra gli individui senza poteri: se un Babbano assumesse una minima dose di polvere di Potterulus rischierebbe di soffrire di allucinazioni forti e continue per l'intera esistenza o addirittura di convincersi di essere un mago causando l'ilarità dei suoi concittadini e la preoccupazione dei familiari che lo condurrebbero perciò in una clinica psichiatrica (edificio in cui sono soliti rinchiudere persone con ipotetici problemi, la maggior parte causati da elementi magici proprio come questo. Ma i Babbani ne sono ignari e cercano invano le cure).
Si dovrebbe essere compreso perciò che la divulgazione illegale della pianta potrebbe avere conseguenze disastrose e irreparabili; oltretutto il Ministero della Magia sarebbe costretto ad intervenire tralasciando altre importanti questioni.
Il nome del Potterulus è un evidente elogio al famoso mago di nome Harry Potter - divenuto famoso per la cicatrice causatagli da Voldemort. Scoperta durante un viaggio di lavoro da Ronald Weasley -affezionato amico del mago- e chiamata così proprio da lui, per ricordare per sempre le avventure del suo compagno di vita.
Al signor Weasley era stata data la possibilità di chiamare il Potterulus WeasleyPlants (nome suggerito dalla compagnia di ricerca) ma si dice abbia preferito ''mantenendo la sua reputazione di discreto e fedele'' -come detto in molti giornali- rendere omaggio al suo amico.
Il Potterulus è venduto sotto più forme, tra cui la più famosa è in polvere. Le altre sono: a stecche -le sottilissime radici verde scuro che racchiudono la maggior parte del liquido magico- che risultano troppo potenti per l'uso comune, a gocce -utilizzate nei farmaci- che richiedono un lunghissimo procedimento di lavorazione e perciò ad alato costo e a piantine, che nonostante siano meno complicate da avere non sono legali perché un babbano le potrebbe scambiare proprio per normalissime piantine di menta.
Voto: 10

Shadowhunters
Ognuno di voi riceverà un'email con un link contenente un puzzle e, dopo averlo risolto, dovrà fingere che io sia il personaggio che vi è uscito fuori, e scrivere una lettera. Sfogatevi, complimentatevi, sclerate, insultate, se volete. Insomma, immaginate di aver davanti quel personaggio e scrivete tutto ciò che avreste sempre voluto dirgli.
Caro Jace,
Vorrei poter dire di conoscerti, di sapere le tue imprese e comprendere i tuoi timori ma non posso. Sei un perfetto sconosciuto ai miei occhi; un 'perfetto sconosciuto' dal passato a me oscuro, il che ti rende affascinante.
Ti descrivono come un angelo tormentato: un enorme contraddizione direi ma sembra perfetta su di te. Dal carattere chiuso per le ferite di cui quella cicatrice -proprio lì, sulla spalla- sembra essere la testimone. Un'arma a doppio taglio; quella stella. La tua salvezza e la tua condanna. Un segno indelebile della tua apparenza.
E quei tormenti che ti attanagliano adesso? Ne vogliamo parlare O.o aver paura di amare Clare. L impossibilità di distinguere -di capire- se quello è amore fraterno o proprio amore amore. Perché deve essere così difficile un'azione semplice come l'amare? Non è forse la cosa più naturale del mondo? Ma no. Noi poveri umani (ok...nel tua caso no. Perciò non accomuna solo quelli come me) sappiamo ingarbugliare la nostra esistenza meglio di un gatto che gioca col suo gomitolo. Ti auguro che prima o poi riuscirai a risolvere questa 'matassa' di fili intrecciati nella tua vita. ..
Perché ho scritto proprio a te, dici? All'arrogante? Al cinico? Beh, perché forse non sei davvero così, ''premuroso'' e ''gentile'' sono altri aggettivi che ti vengono attribuiti, lo sapevi? Non sei conosciuto solo come 'il bel ragazzo'. E se lo so io -che non ti conosco nemmeno un po'- credo che la tua fama non sia mica male ;D
Ed ora ti saluto, sperando che ricevere lettere da una perfetta sconosciuta non faccia scattare quella tua parte chiusa e riservata, non volevo essere invadente scrivendoti, sappilo.
P.s buona fortuna con Clare
Francy
Voto: 8

Percy Jackson
Quale domanda faresti all'oracolo di Delfi?
Quale sacrificio faresti per ottenere la profezia? Cosa offriresti in cambio?
L'oracolo di Delfi ha sempre ingannato tante persone, nella storia della mitologia. E potrebbe far cadere in trappola anche me; con le sue misteriose profezie nessuno può davvero essere certo di quello che gli succederà. Ci vuole fortuna e prespicacia. Prima di chiedere all'Oracolo mi rivolgerei certamente ad altri tizi meno fraintendibili, come il genio della lampada o qualche maghetto ben preparato nel campo. Come ultima spiaggia ci sarebbe lui, l'Oracolo
Non sono in un periodo particolarmente difficile della mia vita; non ho bisogno di profezie e suggerimenti su un argomento in particolare. Un bambino chiederebbe quando riceverà il prossimo videogioco... Un ragazzino delle medie quale sarà il momento giusto per incontrare la ragazza perfetta...Un adulto disoccupato il tempo che mancherà prima di avere un lavoro stabile...Un vecchio i giorni che gli resteranno da vivere.
Ed io? Non lo so. Sono una ragazza perfettamente normale, con amici di cui mi fido, una scuola difficile ma che da soddisfazioni, una famiglia solida e altre piccole cose che mi rendono felice. E adesso ci si mette anche la fantastica atmosfera estiva. La MIA domanda, in questo istante, forse sarebbe un po' sprecata. Chiesta un po' per timore di perdere tutto, un po' per curiosità implacabile. Vorrei chiedere di descrivermi la mia vita tra 20 anni. Quando la gente che frequento ora potrebbe non essere più la stessa, la famiglia potrebbe aver perso cari per la strada e la scuola sarà un ricordo, forse un'avventura bellissima che ancora non vedo come tale.
Ma l'Oracolo non mi risponderebbe chiaramente; nessun elenco di chi sarà ancora con me ad aiutarmi nei momenti difficili e di dove vivrò e di che lingua parlerò e di che farò per vivere. Rimarrebbe molto vago; capirei le sue profezie solo nel momento in cui diventerebbero realtà. Chissà se proverei rancore per quello che avrei potuto fare per cambiare qualcosa. Forse nel momento in cui ho imboccato quella via, in quel giorno stavo imboccando la strada sbagliata oppure era già tutto pianificato? Tutto sta nel credere o meno nel destino. E io ci credo in parte.
Che sacrificio farei? Adesso è difficile perché non ho l'immediato bisogno di sapere. Sto vivendo la vita come viene, cercando di non fare troppe stupidate e di essere una persona rispettabile, e sono tranquilla nel pensare al futuro. Difficile sacrificare qualcosa per una profezia che forse non si capirebbe. Mi fido poco dell'Oracolo, se non si fosse capito.
Non sacrificherei nessuna persona a me cara; sarebbe cambiare la mia vita prima di sapere come si evolverà. No. Sceglierei qualcosa di me da dargli; non per forza un oggetto ma un pezzettino di me. Che so? Una costola, come Adamo. Il ditino del piede. Qualche litro di sangue. Niente di che, ok.
Potrei offrire all'Oracolo il mio aiuto; forse mi prenderebbe come aiutante, lì a Delfi. Con la carenza di lavoro che c'è forse mi basterebbe lavorare lì senza ottenere la profezia ma come scambio mi piace molto. Sentire le domande degli altri e tentare de decifrare le parole che escono a fiumi dalla bocca dell'Oracolo. Niente male, eh? E una volta che mi sarei riscattata potrebbe iniziare a pagarmi. Chissà se la paga sarebbe buona...
Voto: 9

E abbiamo finito ♥ Se fosse stati i prof quanto mi avreste dato? ^^
Voi avete partecipato alla Summer School?

Francy

4 commenti:

  1. wow caspita francy..sei stata bravisisma!....*_________*.....ci credo che hai ricevuto voti così alti!..waw....io avevo iniziato a partecipare ma alla fine ho partecipato solo alla prima tappa con i troppi impegni on sono riuscita a stare dietro a tutto...
    Comunque veramente complimenti mi piace molto tutto ciò che hai scritto!^_________^
    Un bacione...

    RispondiElimina
  2. Sei stata davvero brava, sono assolutamente d'accordo con chi ti ha dato quegli splendidi voti *^*

    RispondiElimina
  3. Sei stata bravissima! *-----*
    Ti sei meritata quei voti e Will ti presento Will! ;D
    Buona lettura ^^

    RispondiElimina
  4. wow ^^ hai taaanta fantasia, complimenti!

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...