venerdì 31 ottobre 2014

Halloween Tag

Buon Halloween ♥ Non importa se siete tra quelle persone che amano fare ''dolcetto o scherzetto'' ancora oggi, nemmeno se per voi è una festa troppo simile a carnevale e ancor meno se lo festeggiate soltanto 'se capita'... l'importante che sia una bella giornata! Ogni momento è buono per sperarci, no? ☻ Rimanendo in tema Halloween vi propongo un tag che ho trovato sul blog Dragonfly Wings; davvero originale ed appropriato! Mi ero ripromessa di farlo in tempo e ... ci sono riuscita

Una copertina rossa come il sangue
Il seguito di Anna vestita di sangue è ancora inedito in Italia (... e sembra che la situazione sia stabile...mi sa che dovrò decidermi a comprarlo in lingua!) ma nella cover inglese il colore predominante è proprio il rosso; un rosso accesso, vivo, che ricorda in modo studiato il sangue.

giovedì 30 ottobre 2014

Tag: Le quattro stagioni

Siamo in autunno ma non per questo non dobbiamo parlare delle altre stagioni, giusto? ♥ Qualche giorno fa ho scovato sul blog di Kicca un bellissimo tag a tema ^^ Darò delle domande molto veloci poiché non è realmente inerente ai libri; è comunque carinissimo! Vediamo un po'... mi piacerebbe taggare Babuska, Angela e Claudia Pintus! Ovviamente siete libere di non farlo ☻

Inverno
1. Cosa ti piace di più dell'inverno? La neve, quando c'è  ♥
2. Hai mai letto un libro davanti al camino? Certo, ma nei miei sogni... purtroppo :3
3. Hai mai fatto un angelo nella neve? Siii ☻ Credo di avere anche qualche foto da qualche parte
4. Hai mai visto la slitta di Babbo Natale? Direi che la risposta è la stessa della seconda domanda
5. Di che colore è il tuo cappotto preferito? Nero! Si abbina con tutto, no?
6. Quante volte fai lo shampoo in inverno? Ogni volta che lavo i capelli; se no sarebbero intrattabili
7. Qual è il film di Natale che preferisci? Non ne amo nessuno in particolare!
8. Hai mai mangiato un gelato in pieno inverno? Sì, più di una volta!
9. Panettone o Pandoro? Pandoro assolutamente! Io e i canditi non andiamo molto d'accordo!
10. Di che colore è la tua sciarpa preferita? Bianca e rosa

mercoledì 29 ottobre 2014

In my mailbox #10: un po' per volta...

*Quando si amano i libri non c'è cosa più bella del riceverli! Per sfogliarli, per guardarli, per metterli sullo scaffale impolverato della tua stanza...ma soprattutto per leggerli!!*
Ed ho fatto passare un bel po' di tempo dalla precedente puntata di In my mailbox, non che mi siano mancati i libri da leggere ma per alcune nuove entrate mi sono scordata di fare la rubrica, come per ciò che riguarda i romanzi inviatomi dalla Piemme! Oggi vi mostrerò i libri che in questo lasso di tempo ho ricevuto MA non ho ancora recensito! E non sono molti, anzi si tratta soltanto (e meno male XD fra poco finisco lo spazio) di tre volumi! ^^
Eccoli qui ♥ Sono sicura che due li conoscete TUTTI, nessuno escluso! Ormai John Green è un mito :P Ed io ho letto soltanto Colpa delle stelle, fino ad adesso!
Sia Città di carta sia Will ti presento Will li ho vinti ^^ Il primo grazie al giveaway del blog I libri ci salvano, perciò devo ringraziare Sara, che mi ha dato l'opportunità di ricevere il suo romanzo! Adesso è al sicuro tra le mie mani :D
Ed invece l'altro l'ho ricevuto grazie alla Summer School organizzata da varie blogger, qui potete leggere i miei compiti estivi! ♥
Un giorno solo, tutta la vita era invece da un po' nella mia wish list...e in occasione del mio compleanno -come dire?- ne è venuto magicamente fuori ^^
Prezzo: 16.00 euro
Pagine: 336
Lingua: italiano
Trama: Una sera, nel più improbabile angolo di Chicago, due ragazzi di nome Will Grayson si incontrano. Dal momento in cui i loro mondi collidono, le vite dei due Will, già piuttosto complicate, prendono direzioni inaspettate, portandoli a scoprire cose completamente nuove sull'amicizia, l'amore e su loro stessi.

martedì 28 ottobre 2014

Birthday's Giveaway: Tre sassi bianchi

Un anno fa il mio blog aveva appena quattro giorni. Mi ricordo ancora il primo post, il primo commento, la prima follower (Rowan ), insomma... le prime emozioni! ♥ Il 24 non vi ho ringraziato abbastanza; le parole non sono sufficienti per esprimervi quanto mi avete regalato seguendomi giorno dopo giorno senza abbandonarmi per ben un anno! Sono sempre stata con voi, ogni singola giornata sono stata qui...e voi con me!
L'unico modo per dirvi un grazie più consistente è darvi la possibilità di vincere un romanzo che la Piemme mi ha concesso di mettere in palio; si tratta di un drammatico, uno di quei libri che io solitamente amo! Che ti lasciano un segno indelebile perché sai che la storia potrebbe essere vera; è la possibilità che ciò succeda che fa si che il lettore si ricordi della storia!
Vorrei che -leggendo questa storia- voi vi ricordiate sia del romanzo sia di me e del mio Angolino! ♥

lunedì 27 ottobre 2014

Weekly Life #44

*E' una rubrica ideata da Rowan del blog Ombre Angeliche e da Reina del blog Il Portale Segreto. Consiste nello elencare le tre cose migliori successe durante la settimana e le tre peggiori. La posterò ogni lunedì.*
Le tre cose migliori:
1. Il compiblog del mio Angolino Grazie a tutti per essere state qui con me anche in questo bel momento ^^
2. Una giornata a Milano ♥ Tra shopping e passeggiate è trascorsa una giornata!
3. Domani ci sarà una bellissima sorpresa per i miei lettori ☻ Non vedo l'ora di sapere che ne pensate!

Le tre cose peggiori:
1. Tanta stanchezza e tanto da studiare! 
2. Le letture vanno davvero piano... non ne so nemmeno il motivo dato che Chocolat mi sta pure piacendo O.o
3. Un sacco di email a cui rispondere! Non recupererò mai :3

domenica 26 ottobre 2014

Anteprima: Fil Rouge

“Tutti noi nasciamo con un filo rosso legato al mignolo della mano sinistra, filo che ci lega alla nostra anima gemella.” Una frase tratta dal romanzo di questa autrice, alcune parole che messe insieme formano una meravigliosa affermazione, un po' magica ed un po' reale... Ornella sembra volerci trascinare in un modo proprio particolare! La scrittrice non è per niente senza esperienza anzi... ha già pubblicato tre libri e ci tiene sempre informati grazie al suo bellissimo lit-blog (che io seguo con piacere) Peccati di Penna ♥ Volete sapere di che parla il nuovo romanzo? Continuate a leggere, allora!
Titolo: Fil Rouge
Autore: Ornella Calcagnile
Formato: ebook
Casa Editrice: Narcissus
Data di uscita: 27 Ottobre 2014

Trama:
Avete presente la vibrante sensazione di positività che vi può trasmettere a pelle una persona appena conosciuta?
Se poi questa persona è un giovane uomo affascinante, la situazione si complica e Kylie avverte subito i piaceri e le insidie legati a questo inatteso e magnetico feeling che scoppia con Joël; l’inquilino dei piani alti dai magnetici occhi di cristallo e il sorriso accattivante.
Ma i due giovani sono davvero legati dal filo rosso del destino?
Tra amicizie esasperate, passioni trattenute, amori improvvisi, donne zuccherose e signore drago; Kylie verrà risucchiata in un vortice di situazioni grottesche, addirittura esilaranti, in cui scoprirà tante cose, compreso ciò che la lega davvero a Joël. Per farlo, si affiderà anche alla buona sorte, portando con sé il suo particolare e inseparabile portafortuna, che beh…avrà molto a che fare con un “file rouge”.

L'autrice
Nata a Napoli il 2 gennaio 1986, diplomata all’Istituto D’Arte, laureata in Scienze della Comunicazione, ha sempre avuto un debole per tutto ciò che riguarda la creatività: grafica, disegno, fotografia, video-editing, fumetto e cinema.
Inizia a scrivere nel 2008 per dare sfogo alla sua fantasia ma con il tempo nasce una vera e propria passione che la induce a creare un blog di racconti e a lavorare sei mesi come copywriter, avvicinandola ulteriormente al mondo dell’elaborazione testi e della comunicazione.
Nel 2012 apre un lit-blog “Peccati di Penna” dedicato alle recensioni e alla presentazione di giovani autori.
Nel 2013 esordisce come scrittrice con il romanzo urban fantasy “Helena”, pubblicato con Ute Libri.
Nel 2014 si cimenta in racconti auto-pubblicati: “Black - The Hunter”, spin off di “Helena” e l’horror “È la mia natura”.
Sempre nello stesso anno, auto-pubblica il romance “Fil Rouge” sperimentando uno nuovo genere.
Il suo sogno è diventare una brava scrittrice, trasmettere emozioni e creare avventure in cui il lettore possa perdersi.

sabato 25 ottobre 2014

Anteprima: Storia della bambina perduta

E chi conosceva questa trilogia? Io sicuramente no! Peccato, perché la trama dell'ultimo libro in uscita della scrittrice napoletana Elena Ferrante promette proprio bene; sono proprio le due bambine vestite da fatine su una spiaggia che danno l'idea di una fiaba troppo reale per essere inventata; leggendo la trama si realizza che si parla di donne mature -non più bimbe innocenti- e delle loro vite...
Titolo: Storia della bambina perduta
Autore: Elena Ferrante
Casa Editrice: edizioni e/o
Data di uscita:29 Ottobre 2014

Trama:
Storia della bambina perduta è il quarto e ultimo volume della tetralogia "L'amica geniale" di Elena Ferrante pubblicata da Edizioni E/O. Le due protagoniste Lina (o Lila) ed Elena (o Lenù) sono ormai adulte, con alle spalle delle vite piene di avvenimenti, scoperte, cadute e "rinascite". Ambedue hanno lottato per uscire dal rione natale, una prigione di conformismo, violenze e legami difficili da spezzare. Elena è diventata una scrittrice affermata, ha lasciato Napoli, si è sposata e poi separata, ha avuto due figlie e ora torna a Napoli per inseguire un amore giovanile che si è di nuovo materializzato nella sua nuova vita. Lila è rimasta a Napoli, più invischiata nei rapporti familiari e camorristici, ma si è inventata una sorprendente carriera di imprenditrice informatica ed esercita più che mai il suo affascinante e carismatico ruolo di leader nascosta ma reale del rione (cosa che la porterà tra l'altro allo scontro con i fratelli Solara).

L'autrice
È nata a Napoli, città che ha abbandonato presto per vivere a lungo all’estero. Dal suo primo romanzo, L’amore molesto, è stato tratto l’omonimo film di Mario Martone; dal romanzo successivo, I giorni dell’abbandono, è stata realizzata la pellicola di Roberto Faenza.
L'elusività che circonda l'autrice ha alimentato un piccolo, ma tenace mistero nella comunità letteraria. Nel corso del tempo Ferrante è infatti stata identificata con Goffredo Fofi, autore delle sole due interviste che le siano state fatte; con Domenico Starnone, scrittore napoletano, soprattutto a seguito delle analogie che alcuni critici hanno ravvisato fra L'amore molesto e un romanzo dello stesso Starnone, Via Gemito; infine di Ferrante si è vociferato che altri non fosse che Anita Raja, moglie di Starnone, traduttrice dal tedesco e redattrice in forze presso E/O, casa editrice che pubblica l'opera della scrittrice.

venerdì 24 ottobre 2014

Never Say Book compie un anno: 365 giorni con voi!

E' una giornata come tante, lo so. Ma questo per me non è un post speciale: rappresenta un traguardo, un grande soddisfazione personale! Essere qui esattamente trecentosessantacinque giorni dopo il primo post (qui) significa tanto. Significa aver avuto quella passione e quella volontà che speravo di riuscire a mantenere invariate per tutto il percorso: ecco. Per adesso, un passo alla volta, ce l'ho fatta... Giorno dopo giorno mi sono costruita il mio spazio; pieno di parole, di pensieri, di riflessioni...e pieno anche di voi.
So di stare per cadere nella banalità, ma non voglio considerare 'banale' nel senso stretto della parola ciò che per me (e per moltissimi blogger come la sottoscritta) ha un'importanza considerevole. Sto per ringraziarvi. Ringraziarvi per essere stati qui nel mio Angolino.
Se voi non foste stati presenti quei 3844 commenti non esisterebbero, così come le visualizzazioni non si sarebbero avvicinate minimamente ad un numero come 132.120 e la voglia di scrivere 422 articoli non avrebbe retto.

beh, si! GRAZIE ♥ Ve lo devo!
Il compleanno di un blog è come quello di una persona. Entrambi continuano a vivere indipendentemente dal fatto che qualcuno dia loro retta o meno ma, come l'uomo che si sente apprezzato conduce una vita più felice e serena, così un angolino che viene frequentato un minimo riesce a migliorarsi sempre di più.
Circondata da ragazze/i fantastiche mi sono trovata catapultata in un mondo che non può essere davvero considerato soltanto ''virtuale''; sarebbe un'offesa a tutto ciò che voi mi avete fatto passare grazie alle vostre parole comunicando con me. Non c'è cosa più reale dell'affetto. Ci sono situazioni in cui lo schermo di un computer non può ostacolare più niente.

Da quando ho aperto Never Say Book sono cambiata, almeno un pochino. Non ho certamente avuto un mutamento radicale poiché non ho capovolto la mia vita ma ho attraversato molteplici esperienze che mi hanno fatto maturare e soffermarmi a riflettere.
cioè, non sarebbe bellissima una torta simile?
Collaborazioni con blogger, con case editrici, con autori; il continuo tenersi aggiornati su novità editoriali; controllare costantemente la casella della posta elettronica e rispondere ad eventuali e-mail. Beh, sono piccole-grandi responsabilità! Eh sì, avere un blog è proprio una cosa seria, oltre che bellissima ♥
Scrivere di continuo mi ha anche insegnato a scrivere meglio. Sembra un controsenso ma tenersi allenati è un esercizio importante per migliorare.
E stare qui con voi mi ha insegnato ad essere più aperta, meno riservata e più 'me stessa'; non ho ricevuto nessun offesa dall'apertura a differenza di quello che temevo esattamente un anno fa.

Ed un grazie non basta. Nemmeno mille. A parole a volte è difficile esprimersi; i piccoli gesti possono aiutare. 
Tenete d'occhio il mio Angolino nei prossimi giorni che potreste avere una bella sorpresa... Mi auguro la gradirete sul serio!

giovedì 23 ottobre 2014

Post I've Loved: feste e letture ^^

*In un mondo così grande come la blogsfera è facile perdersi post meravigliosi: recensioni degne di nota, iniziative originali, informazioni decisamente interessanti...
Il modo migliore di raccogliere i post che ho amato di più penso sia proprio una piccola dolce rubrica ^^ Un momento di raccoglimento delle idee per me, nuovi spunti per voi e un grazie alla blogger che ha scritto il post ^^*

Buon giovedì, Lettori ♥ Dopo un'altra giornata super pesante a scuola eccomi qui a scrivere! Oggi mi sono dedicata allo spulciare i blog che seguo che, a causa dello studio, ho trascurato un po'! *che vergogna* Beh, sappiate che se non passo da voi per qualche giorno è solo per il fattore ''tempo'' e non certo perché non amo come scrivete!
Per dimostrarvelo oggi vi lascio qui ben quattro post che mi sono piaciuti che sono stati scritti nelle ultime ore :P
E' un esilarante post in cui la nostra Eliza ci espone la sua idea di lettura per dante: in quali romanzi si tufferebbe il poeta per eccellenza della lingua italiana se vivesse ai nostri tempi?
L'unica pecca? Che non sono una ''fan'' di Dante poiché mi tocca studiarlo costantemente a scuola nei minimi dettagli, come ovviamente fate/avrete fatto tutti!

mercoledì 22 ottobre 2014

Linky Party: Love Reading ^^

Hey ^^ vi chiederete che ci faccio qui a quest'ora della sera; beh,  ero convintissima di aver già programmato questo post per oggi ma sembra essersi volatilizzato O.o per fortuna non era niente di troppo complicato da riscrivere...si tratta di una semplice meme per ricordarvi del Linky Party in corso sul mio blog che potete trovare qui ;-)
Vi siete persi il post che ne parlava? Non sapete di che si tratta? Mi basta riportarvi ciò che avevo già detto in precedenza! è uno scambio di link che vi permetterà di conoscere tanti spazi che parlano delle stesse vostre passioni e vi farà aiuterà a diffondere la vostra voce su blogger.
Spero che parteciperanno altri bei blog; mi piace scoprirne di nuovi e inserirli nel post ♥ Ok, a volte rimango un po' indietro poiché in questo periodo lo studio mi occupa praticamente tutto il pomeriggio ma l'idea di una mini-raccolta dei vostri angolini qui da me mi fa tanto contenta!
Avete tempo fino al 30 novembre per partecipare, eh ♥

Grazie a tutti quelli che si sono iscritti fino ad ora e a chi ha intenzione di farlo ^^

martedì 21 ottobre 2014

Gli Scaffali delle Meraviglie

Lettori  Come procedono le vostre letture? Le mie un po' a rilento, mi tocca ammetterlo... lo studio non mi lascia in pace da giorni ormai e mi tocca trascurare quasi tutto il resto! 
Ma un minutino per il blog mi sforzo di trovarlo anche perché mi fa piacere ''staccare un po' la spina'', seppur non per molto tempo.
Girando sul web ho trovato dei bellissimi scaffali che mi piacerebbe condividere con voi! ☻ A me sono piaciuti davvero davvero molto... mi piacerebbe averne uno nella mia camera da letto e posizionarci, uno per uno, i miei romanzi! Farebbero sicuramente il loro gran bell'effetto!
Per adesso posso solo continuare a sognare e mostrarvi le foto! 

30 of the most creative bookshelves designs image 26 30 of the Most Creative Bookshelves Designs
La libreria arcobaleno! Di speciale ha soltanto la disposizione dei libri ma ciò ha un effetto di allegria e originalissimo! Beh, il problema sta proprio nel trovare così tanti volumi dai colori abbastanza simili e ordinarli!

lunedì 20 ottobre 2014

Weekly Life #43

*E' una rubrica ideata da Rowan del blog Ombre Angeliche e da Reina del blog Il Portale Segreto. Consiste nello elencare le tre cose migliori successe durante la settimana e le tre peggiori. La posterò ogni lunedì.*
Le tre cose migliori:
1. Fra pochissimi giorni il mio Angolino compie un anno! ♥ Sono super emozionata; sembra impossibile! 
2. E' uscita Senza scappare mai più; dopo tre anni di attesa un'altra canzone di Tiziano ferro ^^
3. Chocolat si sta rivelando una bellissima lettura e Dawson's Creek mi piace sempre di più ☻

Le tre cose peggiori:
1. Blogger ha dato brutti segni nei giorni precedenti! E' stato leggermente lento a volte ed e' arrivato addirittura a non funzionare del tutto... cominciavo seriamente a preoccuparmi! 
2. Una verifica è andata malissimo nonostante avessi studiato; beh, per fortuna siamo ancora all'inizio e c'è tempo per recuperare *spera,spera,spera*
3. Ci sono stati alcuni problemi che mi hanno spiazzata! Mi auguro si sistemi tutto

domenica 19 ottobre 2014

Segnalazione: Una mamma

Scoprire nuovi romanzi e soltanto leggere le loro trame porta a riflettere. Può una ferita profonda rigenerarsi? La perdita di un figlio è un vuoto che il dolore riempie di lacrime senza fine. Una storia drammatica che lascia un briciolo di speranza nel lettore; la cover non comunica certo tristezza ma per lo più spensieratezza, liberazione da un peso grave e profondo.
La Genesis Publishing questa volta ci vuole far versare qualche lacrimuccia per farci riflettere su argomenti taglienti come la morte di una persona cara.
Titolo: Una mamma
Autore: Grazia Cioce
Formato: ebook
Genere: drammatico, gastronomico
Casa Editrice: Genesis Publishing
Data di uscita: 18 Ottobre 2014

Trama:
In quanti modi si può morire? Fino a che punto il dolore può cambiarti?
Lucia, donna forte eppure fragilissima, vive in un mondo fatto di dolci e pietanze appetitose. Per questo mondo, e per la paura della sua maternità, ha dato tutto, sacrificando la sua vita, allontanandosi dal marito e dal figlio, finché un giorno torna a casa. Ma è troppo tardi e il destino le riserva una sorpresa atroce: la morte di suo figlio Marco.
Da quel giorno, Lucia vive per poter conoscere le persone cui gli organi di Marco sono stati donati, in un atto di estrema generosità. Fino a quando incontra Luigi e la sua vita cambia: come il clic di una serratura che si apre, Lucia rivolge il suo sguardo al mondo e a se stessa, scandaglia il suo cuore alla ricerca della serenità messa a dura prova da una vita di perdite e dolore.
Può un foglio strappato ricomporsi? Può una tale, profonda, lacerazione rimarginarsi?
Un romanzo ricco di colpi di scena e appassionante come solo l'amore sa esserlo. Un romanzo che celebra la vita e la rinascita.

L'autrice
Nasce a Bisceglie, in Puglia, e si trasferisce a Torino subito dopo la laurea in Lettere. È l'amore che la porta a Torino, così come è l'amore che la fa attardare sulla tastiera tutte le notti: scrivere è una passione che le fa attraversare i sentieri del mondo con più leggerezza. Cura da sette anni il blog enogastronomico "cuocapercaso" e la maternità ha cambiato la sua vita e la sua visione del mondo. Decisamente in meglio.





sabato 18 ottobre 2014

Problemi con Blogger!

Eccomi :D sto scrivendo dal mio cellulare super tecnologico (ok, non proprio ma comunque perfetto ^^) perché Blogger.com sembra non avere alcuna intenzione di caricarsi oggi!  Da mezzogiorno provo e riprovo ma la scritta "502. That's an error" mi perseguita! E non sembro essere l'unica con questo fastidiosissimo problema! 
Sono solita preparare i post il giorno (o giorni :P) prima ma proprio per oggi non avevo programmato niente. .. ed ecco cosa è successo: la sfortuna mi è venuta incontro!
Mi raccomando,  fatemi sapere se anche voi avete o avete mai avuto il mio stesso problemuccio che al momento mi risulta realmente preoccupante! 
Con l'app di Blogger, che sto utilizzando ora,  è decisamente impossibile pubblicare un post decente o soltanto vederne l'anteprima! Non so nemmeno dove verrà posizionata l'unica immagine che sono riuscita ad inserire! 
Mi auguro davvero che questo piccolo incubo finisca in fretta!
Beh,  spero che la vostra sia stata una bella giornata e che il vostro blog funzioni ancora :D Io ho passato la giornata tra le pagine di filosofia e quelle di letteratura!
A domani! *incrociamo le dita*

P.s: sono riuscita ad entrare su blogger, finalmente, ed ho sistemato un pochino il post!

venerdì 17 ottobre 2014

Recensione: 1984

Titolo: 1984
Autore: George Orwell
Pagine: 336
Prezzo di copertina: 9.50 euro
Editore: Mondadori

Trama:
L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

Recensione:
Orwell si immagino' un futuro che ora è presente. Che è sempre stato presente e sempre lo sarà, poiché è vero che il mondo cambia ma l'uomo fatica a fare lo stesso.
Romanzo del 1948 ambientato nel 1984. Noi, lettori di oggi, non possiamo evitare di chiederci come l'autore sia arrivato così vicino alla nostra realtà: come -per mezzo di semplici parole- sia riuscito ad esprimere concetti politici che ci appartengono...
Che la videosorveglianza sia stata inventata sul serio, che i dispositivi touch screen non siano più una fervida fantasia, che la giornata sia scandita soltanto dal lavoro e dai doveri sono solo una piccola parte della realtà di Orwell, che è anche la nostra realtà odierna
Stento a credere che 1984 possa risultare così vero da un punto di vista politico; la società è quella e i principi sono simili a quelli.
Fa terrore pensare che la distopia di cui ci parla l'autore è ancora ai nostri giorni possibile, se non oggi, domani; se non domani fra anni. Ma se la società continua a variare seguendo un andazzo ciclico non si avrà mai una vera evoluzione del pensiero.

giovedì 16 ottobre 2014

Quotes of the heart #12: Bianca come il latte, Rossa come il sangue

*Quante volte vi è capitato di trovare una frase che vi ha colpito? Beh...a me molto spesso. Ecco qui una raccolta di belle frasi ''libresche'' :)*
Avete presente quei giorni in cui pensate di avere tanto tempo a disposizione ma durante i quali poi non riuscite a fare niente -nemmeno scrivere un post? Ecco. Oggi è uno di quelli!
Dovevo scrivere la recensione di 1984 ed invece... l'imprevisto era dietro l'angolo e tutti i miei programmi si sono volatilizzati! Ho optato per qualcosa di più semplice, spero possiate perdonarmi! :3 In questi giorni ho avuto a che fare con ospedale, medici, malattie...e mi sono ritrovata a pensare ad un romanzo che ne parla con delicatezza ma anche con leggerezza e ironia, sebbene il tema sia grave. Bianca come il latte, Rossa come il sangue è rimasto dentro di me insieme alle sue belle frasi!

Viene il giorno che ti guardi allo specchio e sei diverso da come ti aspettavi.
***
Il brutto della vita è che non ci sono le istruzioni per l'uso.
***
Tristezza, solitudine, rabbia. Quasi tutte le canzoni che mi piacciono ne parlano. Suonandole è come se affrontassi quei mostri, soprattutto quando non riesci neanche a dare loro un nome. Poi, però, finita la musica, quelle cose restano lì. Certo, magari adesso le sai riconoscere meglio, ma nessuno le ha magicamente spazzate via.
***

mercoledì 15 ottobre 2014

Beautiful Covers #14

*Se ''L'abito fa il monaco'' anche la cover ''fa'' il libro? Di questo non sono tanto certa... Comunque in questa rubrica inserirò le copertine che mi hanno affascinato ma non necessariamente con un contenuto altrettanto incantevole.*
Ah... la puntata precedente di Beautiful Covers risale all'ultimo giorno d'estate! Che tristezza! ♥ Ormai siamo in pieno autunno: la spiaggia non è più dietro l'angolo, il costume da bagno è riposo nel cassetto... i libri sono ancora con noi per fortuna! ^^
Ed oggi ci rifacciamo gli occhi con qualche bellissima cover trovata in giro ♥



martedì 14 ottobre 2014

Se fossi un romanzo che genere saresti? ^^

Lettori ♥ Dopo quasi un mese mi sono decisa (grazie soltanto ad una mia piccola idea...) di proporvi un altro sondaggio! Ma dove eravamo rimasti la scorsa volta? Ah, sì! Giusto! Vi avevo domandato quanto voi amavate la lettura; ne è uscita una media di nove! Niente male; siamo dei lettori accaniti ma non troppo; il giusto per non essere proprio ossessionati! Perché alla fine non lo siamo, no? ♥
Sapete che c'è stato pure un cinque? o.O Sono rimasta sorpresa! Più che altro per il fatto che ci sia qualcuno per cui la lettura non è esattamente un hobby che mi segue comunque! Beh, sono felice! Anche se spero che leggendomi un po' della mia passione possa essere trasmessa! ^^
Ma cambiamo argomento! La mia idea è diversa sta volta! 
Ho pensato di chiedervi... anzi... di auto-porvi (ok, non esiste... è un neologismo XD)  questa domanda Se fossi un romanzo che genere saresti?
Vi siete mai domandati in quale romanzo la vostra vita -seppur con qualche opportuna modifica- potrebbe essere perfetta? ☻ E se il genere che preferite rispecchia i vostri gusti nella quotidianità?
Fantasy? Siete dei sognatori, che vorrebbero vivere nella natura con piccoli esserini come folletti e fate? Siete superstiziosi e non vi azzardate a passare sotto le scale a pioli? Avete un esistenza in qualche modo magica, perfetta?
Giallo? Sempre pieni di domande! Vi ritrovate circondati da persone che vi mentono? Siete costretti a scoprire le cose e siete molto attenti ai dettagli?
Thriller? Non potete mai stare tranquilli... Che il ''thriller'' dipenda da fattori davvero terribili o solo da un'esistenza così frenetica da portare alla pazzia...
Rosa? Romantiche/i (beh, i maschietti di solito lo sono di meno...) fino alla fine? State vivendo la storia di amore più bella di sempre o è il vostro sogno?
Drammatico? Siete in un momento poco gradito e molto triste; che ciò sia grave o no se ''felice'' non è l'aggettivo giusto per descriverti potresti scegliere questo genere!
Fantascienza? Siete amanti del surreale ma pure della tecnologia, della scienza... insomma! Delle novità e del progresso!
Narrativa? Se ti chiedessero di descrivere la tua vita in una parola la definiresti perfettamente ''normale''; gli imprevisti possono capitare ma un romanzo non troppo caratterizzato ti si addice!
Comico? Che tu sia una persona allegra, solare, piena di senso dell'umorismo o che ogni giorno te ne capiti una, di situazione ridicola?? Beh, saresti un romanzo comico di sicuro!
Adolescenziale? Tra studio, amici, amore, scuola, stress... La tua vita è monotona e a volte pesante ma può sorprenderti! Ci sono momenti in cui non potresti essere più felice! E di problemi davvero grossi sembri non averne...

lunedì 13 ottobre 2014

Weekly Life #42

*E' una rubrica ideata da Rowan del blog Ombre Angeliche e da Reina del blog Il Portale Segreto. Consiste nello elencare le tre cose migliori successe durante la settimana e le tre peggiori. La posterò ogni lunedì.*
Le tre cose migliori:
1. Il Linky Party comincia ad andare bene ♥
2. Voi che passate di qui nonostante io non riesca da qualche giorno a non passare da voi; e per questo mi scuso di cuore! Ma ringrazio voi per essere così presenti e non sentirvi lontani! ♥
3. Sto guardando una serie tv in inglese e la sto capendo quasi (quasi eh) completamente: non so manco io come ho deciso di iniziare a guardare Dawson's Creek

Le tre cose peggiori:
1. Che stress! Cioè, nemmeno nel weekend ho potuto smettere di studiare per più di un oretta consecutiva! Incredibile quanto la scuola possa farti male XD
2. Situazioni paradossali, bugie che non reggono... Le persone possono arrivare ad un punto estremo pur di non ammettere di aver sbagliato.
3. Stanchezza accumulata giorno dopo giorno... E non recuperata neppure domenica :P

A voi com'è andata la settimana? ^^

domenica 12 ottobre 2014

Anteprima: Un regalo che non ti aspetti

Parlare delle ''cose semplici'' nella trama di un romanzo ha un duplice effetto; da una parte posiziona l'opera in mezzo a tante altre che parlano di vita quotidiana dall'altra immedesimarsi nei personaggi diventa molto più semplice.
Se si legge la sinossi nel complesso si nota che non è una storia così banale. Ed è anche piena di sentimenti e piccoli misteri
Niente male per un romanzo che ho scoperto per caso! ♥
Titolo:Un regalo che non ti aspetti
Autore: Daniel Glattauer
Pagine: 320
Casa Editrice: Piemme
Data di uscita: 31 ottobre 2014

Trama:
A Gerold Plassek piacciono le cose semplici. Lavora come giornalista per un quotidiano free-press, dove si occupa, senza troppe ambizioni, di cronaca locale. E trascorre gran parte del suo tempo da Zoltan, il bar sotto casa diventato ormai una specie di prolungamento del suo salotto. Una vita facile, basata su un principio cardine: faticare il meno possibile, stare nell'ombra e trincerarsi dietro a una rassicurante routine. Quando un'ex fidanzata gli chiede di occuparsi del figlio quattordicenne Manuel per qualche mese, Gerold è tutt'altro che felice. Avere un adolescente tra i piedi mina il suo equilibrio, tanto più che la donna gli confessa senza troppi preamboli che il figlio è anche suo. Ignaro di tutto, Manuel passa i pomeriggi nell'ufficio del padre, che si finge indaffaratissimo... a far niente. Ma un giorno la situazione si complica ulteriormente. Dopo l'uscita di un articolo di Gerold su un rifugio per senzatetto, il centro riceve una donazione anonima. Nella busta, diecimila euro e il trafiletto dell'articolo. La stessa cosa si ripete a ogni successivo articolo, tanto che, da sconosciuto giornalista, Gerold diventa suo malgrado sempre più popolare. Ma chi è il misterioso benefattore o la benefattrice? Che motivazioni ha? E Manuel e Gerold, uniti da questa impresa, riusciranno a dargli un volto?

sabato 11 ottobre 2014

Quotes of the heart #11: Where she went

*Quante volte vi è capitato di trovare una frase che vi ha colpito? Beh...a me molto spesso. Ecco qui una raccolta di belle frasi ''libresche'' :)*
No. No. No. Un'altra giornata stressante non ci voleva proprio! Sono sommersa di compiti e altre cose da fare fino al collo! Cerco di trovare più tempo possibile per il blog ma a volte è davvero davvero difficile. 
Oggi voglio lasciarvi un post molto ''easy'' con alcune citazioni di un romanzo che voglio leggere al più presto, ovvero del seguito di Resta anche domani, cioè Where she went, ancora inedito in Italia ♥
***
You were so busy trying to be my savior that you left me all alone.
***
But still, I find the need to remind myself of the temporariness of a day, to reassure myself that I got through yesterday, I'll get through today.
***
There are so many things that demand to be said. Where did you go? Do you ever think about me? You've ruined me. Are you okay? But of course, I can't say any of that.
***
It would’ve been easier to die. It’s not that I want to be dead now. I don’t. I have a lot in my life that I get satisfaction from, that I love. But some days, especially in the beginning, it was so hard. And I couldn’t help but think that it would’ve been so much simpler to go with the rest of them. But you—you asked me to stay. You begged me to stay. You stood over me and you made a promise to me, as sacred as any vow.
***
“First you inspect me
Then you dissect me
Then you reject me
I wait for the day
That you'll resurrect me
"Animate” 
***

venerdì 10 ottobre 2014

Segnalazione: Solstice - L'incantesimo d'Inverno

Lettori, la mia assenza dalla blogsfera è imperdonabile, lo so ♥ Questa settimana è stata un disastro; scuola opprimente, situazioni assurde, persone incredibili... Beh, non mi sono certo annoiata.
Proprio oggi ho ricevuto l'email di una giovane autrice che mi ha presentato il suo romanzo fantasy di esordio, di cui ho trovato la trama ben curata e affascinante
Ci avviciniamo all'inverno ed un bel libro dalla cover bianca da leggere al calduccio proprio mi mancava, peccato che per adesso sia ancora soltanto in ebook. 
Autore: C. E. A Bennet
Formato: ebook
Casa Editrice: Narcissus
Data di uscita: 2014

Trama:
Emma ha quasi sedici anni e due sorelle, Eileen e Constance. Vivono a Saint Claire,
tranquilla cittadina del Connecticut, insieme alla madre, Kate, e Miranda, la misteriosa
donna comparsa nelle loro vite da quando il padre le ha abbandonate.
Le Hataway, però, non sono donne normali, bensì streghe costrette a tenere nascosta la
loro natura e i loro poteri per rispettare le leggi dei Custodi, ai quali devono obbedienza.
Leggi che Emma ha infranto quando era solo una bambina, anche se per una buona causa:
aiutare quelli che sarebbero diventati i suoi migliori amici, Sam e Alec.
Da allora i tre sono inseparabili, anche se, diventati adolescenti, Emma sarà costretta a
nascondere proprio a loro il segreto che più le sta a cuore.
Non è l’unica, però, a mentire alle persone che ama. Cosa nascondono Kate e Miranda?
Quali sono i terribili segreti seppelliti nel loro passato? Perché il padre è scomparso
all’improvviso senza lasciare traccia?
Alec Stevens ha sedici anni e molte domande. A volte ha la sensazione che la sua migliore
amica Emma conosca tutte le risposte.
Emma. Cosa lo lega così indissolubilmente a lei e allo stesso tempo la rende
irraggiungibile? Che cosa nasconde?
Nel tentativo di svelare e nascondere i segreti che li circondano, Alec ed Emma, non si
accorgono che qualcuno si muove e li osserva nell’ombra, in attesa che arrivi il momento
di mettere in atto la sua vendetta.

giovedì 9 ottobre 2014

Covers around the world #6: Will ti presento Will

*Ogni paese ha le sue tradizioni e...le sue cover. In questa simpatica rubrica ideata dal blog Endlessly Bookish vi presenterò le diverse copertine pubblicate.*
Un altro giretto intorno al mondo grazie alle bellissime (o quasi...) cover che le case editrici dei vari stati ci lasciano! Questa volta ho scelto di andare alla ricerca delle varie edizioni di Will ti presento Will, romanzo d John Green e David Levithan che ancora non ho avuto il piacere di leggere, nonostante mi stia aspettando sulla mia libreria! ♥
Cover americana.Un disegno stilizzato dei due Will su sfondo rosso, mica male, eh? 

Cover inglese. Questa non mi piace per niente! Le due impronte digitali danno l'idea di un romanzo giallo! 

mercoledì 8 ottobre 2014

Recensione: Panta rei

Titolo: Panta rei
Autore: Luciano De Crescenzo
Pagine: 224
Prezzo di copertina: 9.50 euro
Editore: Mondadori

Descrizione:
L'amore, l'eterno conflitto tra il bene e il male, il senso della vita, l'universo, la politica, spiegati da Eraclito a De Crescenzo.

Recensione:
"Non a caso "Caos" è anagramma di "Cosa" e "Caso"
giacché è il caso a far sì che il caos diventi cosa,
per poi tornare di nuovo ad essere caos".

Vi ho voluto catturare con una frase che alle vostre orecchie apparirà bellissima, proprio come è successo con le mie. Perché ho sentito la necessità di 'attrarvi a me' con una frase, vi chiederete. Beh, perché io sono la prima ad ammettere che la recensione di un saggio non deve ispirare proprio nessuno. Mi chiedo anche se esistano, le recensioni di libri che non sono romanzi. Mai mi sono posta il problema soprattutto perché mai fino ad ora ho letto qualcosa che si discostava anche minimamente da un Libro con l'iniziale maiuscola, che per me è la storia fine a se stessa.
Che ci faccio con un saggio filosofico è una bellissima domanda da porvi. Ebbene, nessun vento di cultura mi ha invaso all'improvviso ma soltanto il bisogno di capire qualcosina in più prima di prendere un bel ''impreparato'' nella prima interrogazione della mia vita di filosofia, una materia alquanto strana se devo dirla tutta. Studiare ciò che altri hanno pensato nonostante alcune idee non stessero ne in cielo ne in terra ha un non so che di assurdo, non credete? 
Ed ecco che disperata mi avvicino grazie a mio padre a questo piccolo volume e me lo leggo in una sola giornata (ehh...a cosa porta l'esasperazione, ragazzi!).
Iniziato con una voglia che in percentuale risulterebbe come qualcosa di molto vicino allo zero percento e finito con una quantità molto ma molto differente. Eh si, Panta rei mi è piaciuto davvero tanto più rispetto al testo scolastico che siamo costretti a studiare a scuola.

martedì 7 ottobre 2014

Recensione: La rivincita della mamma imperfetta

Titolo: La rivincita della mamma imperfetta
Autore: Annalisa Strada
Pagine: 247
Prezzo di copertina: 12.90 euro
Editore: Piemme

Trama:
Lola ha trentott'anni, due figli meravigliosi, un marito che ama e un lavoro che adora. Insomma, tutte le carte in regola per poter entrare nel club delle Mamme Imperfette. Nel corso di una settimana, la più temibile dell'anno quella delle feste di compleanno di Sofia e Arturo (diversificate, ma entrambe curatissime); dei colloqui con gli insegnanti pre-chiusura estiva (tutti rigorosamente in orario di lavoro); dell'inaugurazione della mostra che ha curato per mesi e delle allergie che mettono KO il già non presentissimo marito - dimostrerà al mondo che può farcela. Perché la vita delle mamme che lavorano, ma che vogliono anche veder crescere i propri figli è così: una corsa a ostacoli, dove puoi star certa che se fai bene da una parte dall'altra succederà un disastro. Ma in fondo al cuore lo sai: è stata la scelta giusta e tra qualche anno (10? 15?) potrai concederti una pausa!

Recensione:
Essere donne non è facile; essere mogli è lo è ancor meno, essere mamme è 'avere una famiglia sulle spalle'. E' un supplemento, un'aggiunta di responsabilità che mai se ne andranno. Un peso che -sì- può dare soddisfazioni ma che gravita sulle spalle della donna.
Essere una giovane mamma in carriera è il peggio del peggio. Significa sentirsi realizzate, perché lavorando può far sentire appagate se si svolge il lavoro a cui si aspira da una vita intera, ed anche sentirsi stressate. Anzi, ESSERE stressate.
C'è da spaccarsi la schiena a casa -tra vestiti da stirare, camere da riordinare, manicaretti da cucinare ogni giorno per tre volte e molto altro ancora- e in ufficio, dove le responsabilità hanno un'importanza al di fuori dell'ambito domestico.
Lola è impegnata ventiquattro ore su ventiquattro, o quasi, poiché pure lei avrà bisogno di dormire per sopravvivere. Peccato che per sentirsi donne ci sarebbe bisogno di avere un pizzico di briciolo per sé: dare spazio ai propri interessi, che siano creare dolci meravigli col forno di casa, passare magnifiche giornate al parco con la propria famiglia, andare dall'estetista o magari dal parrucchiere o soltanto leggere un romanzo per entrare in un altro piccolo-grande mondo.
Ma tutto ciò comporta organizzazione e tempo, che Lola non ha. Si deve accontentare di un futile passatempo che sta spopolando tra giocatori grandi e piccini: la Candy Crush Saga. Che io odio con tutto il cuore. Se ci sono persone a cui non va giù leggere, beh.. ce ne sono altre alle quali non vanno giù i giochini android che infilano in ogni smartphone.
"...vivo di sensi di colpa per i figli quando lavoro, per il lavoro quando sto con i figli. E per entrambi, quando gioco a Candy Crush".E' la frase che testimonia lo stato d'animo della protagonista-super-impegnata del romanzo. Si divide tra casa e lavoro. In entrambi non trova la serenità necessaria e così si rifugia tra caramelle colorate per rilassarsi un po'. Mi fa pena, questa Lola ♥ La compassione è un sentimento che ti nasce dentro il cuore già soltanto leggendo il titolo... Una mamma che si sente ''imperfetta''. Ogni madre lo pensa; non essere all'altezza della propria vita e dei propri doveri; dei compiti che a volte ci si inventa proprio per cercare di fare il più possibile. L'imperfezione è perfetta. E' umana. Se non c'è imperfezione non c'è normalità. Se non c'è normalità non c'è animo umano. E se non c'è, non si parla più di amore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...