giovedì 8 gennaio 2015

Recensione: Non ti addormentare

Autore: S.J. Watson
Pagine: 419
Prezzo di copertina: 13.00 euro
Editore: Piemme

Trama:
Ogni mattina Christine si sveglia senza ricordi. Non sa a chi appartenga la casa in cui si trova, l'uomo che le dorme accanto le è totalmente estraneo, e anche il suo viso, riflesso nello specchio del bagno, non solo non le è familiare, ma le sembra molto meno giovane di quanto secondo lei dovrebbe essere. È suo marito a darle quotidianamente le coordinate della sua vita, a spiegarle chi è lui, chi è lei, e che cosa le è successo anni prima, un incidente che ha modificato radicalmente la sua vita, privandola dei ricordi e costringendola a ricominciare ogni giorno in un difficile apprendimento dell'esistere. Ma Ben le dice tutto? E se è così, perché non le ha parlato del dottor Nash, un giovane neuropsichiatra deciso a studiare il suo caso, con cui Christine si incontra di tanto in tanto e che la spinge a tenere un diario? E perché su una pagina di questo diario Christine ha scritto "Non fidarti di Ben"? Giorno dopo giorno, con l'aiuto del dottor Nash, lampi di memoria attraversano la mente di Christine, tessere baluginanti di un mosaico che fatica a ricomporsi nella sua interezza e che, con il passare del tempo, le sembra sempre più minaccioso e inquietante. Finché dal passato emergerà il vero pericolo, quello che senza che lei ne sia consapevole si è appropriato della sua vita.

Recensione:
Non ti addormentare. Un consiglio, quasi una previsione. Un titolo apparentemente scialbo che in realtà racchiude il complesso mondo di una donna affetta di una grave forma di amnesia. Se si addormentare dimentica. Se dimentica la sua vita non esiste più. Perché noi siamo i nostri ricordi, siamo il nostro presente e siamo chi vogliamo essere. Siamo presente, passato, futuro...
Perdere la memoria significa perdere una grandissima parte di te. Significa cominciare da capo ogni mattina; quella luce che attraversa le fessure delle persiane che colpisce le palpebre ancora chiuse, la sveglia appoggiata sul comodino che squilla senza pietà, le morbide coperte che ti avvolgono come un baco da seta. Per Christine tutto questo è novità ogni singolo giorno: la sua memoria viene resettata completamente.
Crede di essere ancora una giovane ragazza dalla pelle liscia e il viso perfetto e di vivere ancora nella casa accogliente della madre: ed invece si ritrova catapultata in un mondo che le sembra non le appartenga. Un corpo sul quale si notano i segni del tempo, un volto non immune alle rughe ed una casa in cui vive con un marito che nemmeno si ricorda.

Provate per un attimo soltanto ad immaginarvi di non avere memoria, di essere privi di ogni ricordo.
Il romanzo porta a riflettere su una cosa come il semplice ricordare; nessuno mai si sofferma a pensare su ciò perché è così maledettamente scontata.
Ma quante volte abbiamo detto o abbiamo sentito la fatidica frase ''Se potessi cancellare dalla mia mente...'' dopo una situazione imbarazzante o particolarmente dolorosa? Sono sicura che la risposta sia ''tante''.
Però se ciò accadesse veramente sarebbe una catastrofe! Sono proprio i sentimenti di dolore che ci fanno crescere e ci insegnano a vivere; e sono gli errori che fanno in modo che noi non ricadiamo nello stesso sbaglio. La soluzione giusta non è mai quella che sembra la più semplice; il dolore è maestro di vita, così come tutti gli altri sentimenti.
Un sentimento è infatti un emozione costante che si sviluppa col tempo; per esempio non potresti mai amare una persona senza aver condiviso con lei esperienze, avventure ed esserti fidato di lei.
D'altronde si parla anche di fiducia. Già nelle prime pagine il senso di inquietudine si fa largo dentro di te a causa delle parole stampate sulla prima pagina del diario: 'Non fidarti di Ben'.
Dubbi. Perplessità. Insicurezza, tanta, troppa insicurezza. Un turbinio di sensazioni che inizia qui e non si placa se non all'ultima riga dell'ultima pagina.
Ogni emozione non smette di intensificarsi nel corso della storia; il coinvolgimento emotivo cresce sempre più grazie alla narrazione costantemente efficace ed avvincente ma che conserva il tocco di semplicità che solitamente è caratteristica dei diari.

L'opera di  Watson è proprio un diario. Dove la donna annota giorno dopo giorno la sua nuova vita; la continua perdita di memoria provoca una ripetizione continua di eventi passati perché Christine non li ricorda più, al contrario del lettore però!
E' comunque normale l'uso di questo particolare artificio; in mancanza di esso la storia sarebbe apparsa poco reale e attinente col genere. ''Non ti addormentare'' è infatti un thriller psicologico; non vi aspettate azione, perché non è QUEL tipo di thriller!
L'amnesia è un argomento trattato svariate volte in romanzi come questo; ma anche il mondo del cinema non si fa mancare nulla! Vi ricordare lo strepitoso 50 volte il primo bacio? Una commedia con attori davvero capaci di entrare nella loro parte. Chissà se la trasposizione cinematografica di questo romanzo sarà degna del libro: in America e nel Regno Unito è già uscito Before I go to sleep, che in Italia si sono guardati bene nel far uscire al cinema. Mi auguro lo facciano, e che lo facciano presto. 

Sono entrata nella mente di Christine; ho condiviso i suoi momenti di ansia, di paranoia, di confusione totale. Mi sono sentita parte della storia. 
Non è un romanzo che ti dona una serie smisurata di perle di saggezza; è una lettura piacevole che lascia un sapore agrodolce in bocca: un thriller ben curato e che riesce ad emergere dalla massa di opere che trattano di perdita di memoria in maniera eccelsa.

Consigliato a...
... chi necessita di un po' di suspance e di tanto tanto mistero

Voto:



Link ad Amazon:
Se avete bisogno di informazioni in più, altre recensioni o di acquistarlo...

7 commenti:

  1. L'idea di base è molto affascinante e ho trovato il libro scritto benissimo, ma non so...
    Quando viene rivelato il colpo di scena, mi è sembrato che qualcosa non andasse al posto giusto :/

    RispondiElimina
  2. "Non ti addormentare" è uno dei tanti libri che voglio leggere e non so perchè continuo a rimandare >_<
    La tua bella recensione mi ha convinta: sarà la prossima lettura! ;)

    RispondiElimina
  3. Ciao Francy!!eccomi qui sono tornata..scusa per l'assenza dolcissima ma come sai non c'ero e non avevo a disposizione la rete WiFi!^_*...questo libro volgio assolutamente leggerlo!..non so perchè io non lo abbia mai fatto..!*_*bella recensione!!!!UN bacione!!:***

    RispondiElimina
  4. Ciao Francy, mi sembra molto interessante! Grazie per la recensione :-)

    RispondiElimina
  5. Letto due anni fa, bel romanzo, mi piacerebbe vedere il film come viene fuori ^^

    RispondiElimina
  6. Anche a me è piaciuto moltissimo! Il film non l'ho ancora visto, ma recupererò presto!

    RispondiElimina
  7. Bellooo, lo voglio leggere assolutamente! *-* La tua recensione poi mi è piaciuta molto, complimenti! Speriamo che si decidano a far arrivare il film anche da noi..

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...