mercoledì 18 marzo 2015

LeggiAMO: intervista ad un autore

'LeggiAMO è la rubrica per noi, lettori di questa generazione tecnologica che sembra quasi poter fare a meno dei libri. A prima vista può sembrare che nessuno legga più ma se facciamo attenzione e guardiamo oltre le apparenze ci sono ancora persone che amano leggere. Più di quante ne possiate immaginare. Io e Rowan ve lo mostreremo attraverso delle piccole interviste ai lettori di ogni genere. Il 18 ogni due mesi la vedrete nei nostri blog.''
Buon mercoledì, Lettori ♥ E' un po' tardi per pubblicare un post secondo i miei standard visto che solitamente escono la mattina ma ieri non sono riuscita nemmeno a organizzare mezzo post quindi mi ritrovo a scrivere durante una pausa dallo studio! Oggi -poiché è il 18- c'è la puntata di LeggiAMO e questa volta io e Rowan abbiamo scelto di intervistare due autoriLuca Azzolini, autore di Evelyn Starr, Il fuoco della fenice, La regina delle spade di seta e la saga Nelle Terre di Aurion (ma non solo!) e Veronica Piras autrice di Gold Apple School e Il Convento di Saint-Matthieu
Grazie ad entrambi per aver condiviso con noi le vostre esperienze da 'lettore' prima che di 'scrittore'!

1. La lettura ha influenzato il tuo modo di scrivere? Se sì, come?
2. Leggi solo generi simili a quelli che scrivi, o ti piace spaziare?
3. Dedichi meno tempo alla lettura rispetto a quando non scrivevi?
4. C'è un autore di cui ammiri lo stile a tal punto da desiderare che fosse il tuo? Se sì, chi sarebbe, e perché?

1. La lettura ha influenzato il tuo modo di scrivere? Se sì, come?
VeronicaLa lettura è stata un input e la scrittura è arrivata successivamente, come uno dei migliori output che potessi mai desiderare. Ogni libro letto mi ha arricchito personalmente, compresi i romanzi che non mi sono piaciuti particolarmente. La lettura è stata determinante per la crescita della mia creatività ed espressività. Cerco di leggere libri molto diversi in modo tale che la mia scrittura ne tragga beneficio. Quando mi è capitato di fossilizzarmi su un solo autore, ho poi scoperto che stava influenzando eccessivamente il mio stile. In un certo senso mi accorgevo di operare una sorta di calco inconscio e automatico.
Luca - Leggere è vitale, sta alla base della scrittura e non esistono autori che non leggano. È un controsenso brutale. Chi scrive, e afferma di non leggere nemmeno un libro, non è uno scrittore. Punto.
Per quel che mi riguarda, è stato proprio leggendo che ho scoperto il forte desiderio di scrivere. L’ammirazione per gli autori che ho amato e il senso di emulazione, che è una forma sincera di adulazione, mi hanno spinto su questa strada. Imitare le storie che si amano è sempre il primo passo, che in seguito mi ha condotto verso sentieri più personali.

2. Leggi solo generi simili a quelli che scrivi, o ti piace spaziare?
VeronicaIn parte ho risposto nella prima domanda. Adoro spaziare, anche perché sono una ragazza molto curiosa e ho diverse passioni. Anche se il mio primo amore rimane il romanzo gotico, leggo volentieri romance, gialli, thriller, fantasy... leggo di tutto! Infatti il mio primo romanzo è un horror, quest'ultimo che ho scritto è un romance.
Luca No, amo leggere di tutto, e passo dalla narrativa storica alla saggistica, dalle biografie al fantasy, dal thriller ai gialli vecchia maniera. Amo molto anche la poesia. Certo, ho uno spiccato gusto per il fantastico (fantasy, sf, urban, ecc.) da cui è partito il mio amore per la lettura, ma un buon libro rimane comunque un buon libro, a prescindere dal genere di riferimento.

3. Dedichi meno tempo alla lettura rispetto a quando non scrivevi?
VeronicaPurtroppo sì, quando sono totalmente immersa nella stesura di un romanzo trovo pochissimo tempo per leggere. Mi riprometto di farlo prima di andare a letto, ma puntualmente mi addormento con il libro sulla faccia.
LucaCerco di ritagliarmi sempre un po’ di tempo per leggere, ogni giorno. Un’ora o due, magari la sera, sul tardi. Però è vero che da quando scrivo ho meno tempo per leggere rispetto a un tempo. Ricordo che da ragazzo passavo interi pomeriggi sui romanzi che amavo, cosa che ora mi risulta molto più difficile.

4. C'è un autore di cui ammiri lo stile a tal punto da desiderare che fosse il tuo? Se sì, chi sarebbe, e perché?
Veronica - Senza dubbio il re dell'horror, Stephen King. Ho letto tantissimi suoi libri e non mi è mai sfuggito uno sbadiglio. Ha uno stile che mantiene molto alta l'attenzione del lettore e le trame sono sempre così interessanti e affascinanti. Lo adoro!
LucaMarion Zimmer Bradley. È un nome che sarà venuto a noia a chi mi conosce (tendo a riproporre sempre lei a ogni intervista), ma nonostante tutto continua a essere l’autrice che ammiro di più. La sua serie di Darkover, in modo particolare, mi ha spinto alla lettura e alla scrittura.
Per certi versi MZB è la mia madrina letteraria. Ha saputo mescolare in una sola serie magia, tecnologia, temi legati al sociale, spaziando anche su più target di riferimento (cosa impensabile oggi, epoca in cui gli autori sono inquadrati in maniera piuttosto sciocca). MZB aveva una voce unica, libera: ciò a cui tutte le autrici e tutti gli autori dovrebbero ambire.

Ecco fatto! Cosa ne pensate? Avete delle idee simili alle loro?

Francy

2 commenti:

  1. Conosco solo Luca, ma ora vado a cercare qualche informazione anche su Veronica! ^^ Complimenti per l'intervista *-*

    RispondiElimina
  2. Ciao...sul mio blog c'è un regalo per te. Ciao. Alessandra
    http://lettereinliberta.blogspot.it/2015/03/liebster-award-2015.html

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...