martedì 9 giugno 2015

Recensione: I passi dell'amore

Autore: Nicholas Sparks
Pagine: 240
Prezzo di copertina: 9.90  euro
EditoreSperling & Kupfer


Nella piccola cittadina di Beauford, North Carolina, il cinquantasettenne Landon Carter ricorda l'anno in cui la sua vita cambiò per sempre: aveva diciassette anni ed era un adolescente vivace e irrequieto. Lasciato dalla fidanzata del momento pochi giorni prima del ballo della scuola, si riduce a invitare come "ultima scelta" Jamie, la figlia del pastore, una ragazza assolutamente agli antipodi da lui, piena di candore, ingenuità e tante buone intenzioni. Dopo quella sera tra i due nasce un'inaspettata e sorprendente amicizia che in breve tempo si trasforma in un sentimento intenso e travolgente, tanto che Landon ha come unico scopo della sua vita realizzare i sogni di Jamie. Ma ai desideri dei due si oppone il destino.

A walk to remember. Questo è il titolo originale del romanzo, non poteva essere più adatto dal momento che si apre con un Landon ormai cinquantasettenne che ripercorre una parte della sua vita che lo ha reso l'uomo che è camminando lungo le tranquille strade della piccola Beauford. Passeggiare in solitudine è un ottimo modo per riflettere su ciò che si è diventati e sul perché lo si è diventati: quasi un percorso di purificazione durante il quale in realtà non è detto che vorresti ripensare a  tutti quegli attimi dolorosi nonostante ti abbiamo permesso di crescere. Ma i ricordi sono così. Sono gocce di vita che a volte tornano a bagnarti il volto, cadendo come lacrime calde piene di sentimento. Non importa se ricche di rancore per un torto subito, di nostalgia per una giornata indimenticabile o di dolore, quello che si insinua dentro noi improvvisamente e ci divora. Però forse ci ruba anche quelle parti di noi che vorremmo scomparissero: i difetti. Il dolore non uccide più di una volta nella vita; solitamente fortifica. Ti fa crescere. Ti rende migliore.
- Ecco vorresti venire al ballo con me?
- Mi piacerebbe ma a una condizione.
- Quale?
- Devi promettermi che non ti innamorerai di me.
Impossibile non citare questo breve ma deciso dialogo tra Landon e Jamie. L'apparente ingenuità della ragazza qui scompare. Conosce i ragazzi che la circondano nonostante non cerchi di adeguarsi alla massa; facendo giurare a Landon che non si innamorerà di lei non è provocatoria, non sta provando a far colpo su di lui ma cerca soltanto di proteggerlo perché sa che il destino -così come il Dio a cui è tanto affezionata- è contro di lei e quindi contro ogni persona che la ama che soffrirà quando il suo dolore sarà troppo da essere sopportato dal suo corpo e dagli sguardi impotenti di chi darebbe la vita per proteggerla
Landon scoprirà che quell'avvertimento a causa del quale si era anche fatto beffe della ragazza sarà effimero perché l'amore non si può governare poiché è impossibile scegliere a chi voler bene. Con quella che sembrava una frase senza senso si apre una storia d'amore che darà un senso alla vita di un ragazzo per cui in precedenza le cose importanti erano legate all'apparenza e al divertimento. Ma la felicità non è quello perché soltanto amando si può essere felici veramente
Landon mi ha insegnato che le persone non sono mai come credi che siano. C'è tutte le volte un ragazzo popolare che nasconde i suoi pensieri più profondi dietro una corazza fatta di un buon miscuglio di prepotenza, strafottenza e immaturità. Cercare di apparire forti è quello che fanno i deboli; ciò non significa che piangere per un nonnulla sia nella norma ma solamente che tirare fuori i sentimenti che si hanno dentro non è negativo poiché significa semplicemente accettare ciò che si prova. Questo ragazzo apparentemente indifferente davanti al mondo impara a capire se stesso grazie a Jamie, che considera il suo angelo: lo ha guidato spiegandogli l'importanza del rispetto verso gli altri, facendogli comprendere che l'amore è essere capaci di affrontare insieme anche le battaglie perse in partenza, come la lotta contro una morte certa, perché l'importante è il percorso e ogni singolo momento che lo ha composto.
L'amore è come il vento: non lo vedi ma lo percepisci. Il vento quando arriva ti coglie impreparato, di spettina i lunghi riccioli appena sistemati mentre ti penetra nelle orecchie facendoti sentire un suono sordo. Ma il vento non lo vedi, se non guardando le foglie cadere e i rami muoversi. Così è l'amore. Non ti bussa alla porta con preavviso, ti scombussola la vita mentre ti cambia pian piano. Ma l'amore non lo vedi, se non specchiandoti negli occhi di chi ti sta davanti, che ti osservano sorridendo. E' soltanto grazie a Jamie che Landon lo capisce perché come lei stessa scrive all'amato l’amore è sempre paziente e gentile, non è mai geloso perché soltanto chi vuole bene è disposto ad aspettare ore davanti alla porta di casa, ad aiutare l'altro anche dopo aver subito un torto e si sforza a non dubitare delle parole altrui.
L’amore poi non è mai presuntuoso o pieno di se, non è mai scortese o egoista, non si offende e non porta rancore; ecco il motivo per cui non si devono avere aspettative ma si deve fare la cosa giusta solo per il piacere di essere solidali, arrivando a vedere un sorriso e a sentire un grazie
L’amore non prova soddisfazione per i peccati degli altri ma si delizia della verità. 
È sempre pronto a scusare, a dare fiducia, a sperare e a resistere a qualsiasi tempesta. 
Amare è una dote. Non tutti sono capaci di farlo perché significa anteporre la vita degli altri alla propria. Qui non si parla più in maniera limitata dell'amore tra uomo e donna ma dell'amore universale, quello che porta a porgere l'altra mano. 
Una storia straziante, senza lieto fine, che però non lascia l'amaro in bocca perché la dolce ragazza a cui il destino sta sottraendo il grande dono della vita continua a credere nei miracoli e nelle meraviglie della vita quindi per quale motivo noi -che ancora possiamo godere dei momenti che l'esistere ci regala- dovremmo non crederci? Alla fine i miracoli sono le persone che entrano ed escono dal nostro mondo e ci lasciano un pezzetto di loro, prendendosi un pezzetto di noi
Voto:



Link ad Amazon:
Se avete bisogno di informazioni in più, altre recensioni o di acquistarlo...

7 commenti:

  1. Sparks uno scrittore che mi piace molto, ciao.

    RispondiElimina
  2. Ho amato questo libro alla follia! *-*
    Nicholas Sparks è uno dei miei scrittori preferiti.

    RispondiElimina
  3. Questo libro è davvero bello. Mi è piaciuta molto la tua recensione.

    RispondiElimina
  4. ho visto il film non so quante volte e non so quanti fazzoletti ho fatto fuori... il libro non l'ho letto perché non mi piace leggere i libri dopo aver giù visto il film

    RispondiElimina
  5. Francy, che bella recensione hai scritto, mi quasi mi prende quanto il libro perché parli di ciò che più ho amato di questo libro **
    È uno dei pochi casi in cui ho visto prima il film e poi ho letto il libro. Infatti avevo visto il film a un incontro adolescenti dell'oratorio (sai che la frase 'l'amore è paziente etc' é tratta da non so che lettera di San Paolo?) e mi era venuta voglia di leggere il libro, nonostante io non ami Sparks.

    RispondiElimina
  6. adoro Sparks e questo libro è stupendo fa piangere, sorridere e sperare un romanzo bellissimo.
    Mi trovo daccordo con te quando dici che il finale per quanto triste non lascia con l'amaro in bocca

    RispondiElimina
  7. Ciao,
    tanti tanti complimenti per il tuo blog, è davvero molto carino.
    Questo libro, film compreso ... Mio dio!
    Nicholas Sparks mi ha fatto sognare e consumare tante di quelle lacrime ... ed è uno dei miei scrittori preferiti.

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...