venerdì 30 ottobre 2015

Prossime uscite: leggere in autunno

Scrivere con un po' di febbre non è il massimo ma rimanere inattivi lo è ancora meno. Quindi eccomi qui che illumino la vostra giornata -o meglio dire serata- con titoli interessantissimi che vedrete prestissimo nella vostra libreria di fiducia, se ne avete una. Altrimenti, se come me vi rivolgete al caro Amazon per fare acquisti libreschi potete benissimo aggiungerli al carrello o alla lista desideri. Sì. Perché io non smetterò mai di allungare la mia e far diventare chilometrica la vostra. Crediate che io sia crudele nei vostri confronti? Forse un poco ma alla fin fine lo faccio per il vostro bene come lettori.
Oggi spaziamo dal thriller psicologico, per poi andare verso un saggio dal contenuto interessante, per poi rivolgere la nostra attenzione a un romanzo per bambini e a due opere per un pubblico principalmente femminile. Ci ho messo una vita per rendere il post delle Prossime Uscite perfetto; ammetto che di libri interessanti ce ne sarebbero stati tantissimi altri ma non mi piace essere troppo prolissa nei post come questo quindi ho cercato di ridurre il quantitativo. Al massimo vi ritroverete un post come questo fra poche settimane. Ma questo non è un problema, se non per il vostro portafoglio.

La porta delle tenebre
Seguito di Dannati e secondo volume di una trilogia La porta delle tenebre uscirà il 5 novembre in tutte le librerie in brossura con la TEA, in seguito alla pubblicazione in cartonato della casa editrice Nord.
Trama:
La speranza è durata poco più di un battito di ciglia. La speranza di potere, un giorno, dimenticare il cielo plumbeo e l’atmosfera opprimente dell’Oltre. La speranza di essersi lasciati per sempre alle spalle il mondo dove sono confinati tutti i malvagi vissuti sulla Terra dall’inizio dei tempi. Invece, non appena si rendono conto di avercela fatta, di essere nuovamente a casa, John Camp ed Emily Loughty sono costretti ad affrontare una realtà agghiacciante. L’incubo non è finito. Come previsto, l’avvio dell’acceleratore di particelle ha aperto il varco grazie al quale John ed Emily si sono ritrovati nel laboratorio di Dartford, in Inghilterra, ma allo stesso tempo ha inghiottito un numero imprecisato d’innocenti. Tra cui ci sono anche la sorella e i nipotini di Emily. Lei quindi non ha scelta: per salvarli, deve attraversare ancora una volta la Porta delle Tenebre e tornare all’Inferno. E, mentre a Londra c’è chi è determinato a smascherare le menzogne del governo su quanto sta accadendo a Dartford, Emily e John si preparano insieme con una squadra di recupero ad affrontare un viaggio ancor più pericoloso e ricco d’insidie del precedente. Un viaggio durante il quale incontreranno nuovi, terribili nemici, e stringeranno alleanze con coloro che li hanno aiutati a sopravvivere all’Inferno. Ma ci si può veramente fidare di chi, in vita, ha ceduto alle seduzioni del Male ed è da secoli relegato nella terra dei Dannati?

giovedì 29 ottobre 2015

Recensione: Librerie

Titolo: Librerie
Autore: Jorge Carrión
Pagine: 327
Prezzo di copertina: 18.60  euro
Editore: Garzanti

"Dei libri come oggetti, come cose; delle librerie come vestigia archeologiche; delle vite e delle opere dei librai, stabili o ambulanti; della lettura come ossessione e come follia, ma anche come pulsione inconscia o come impresa commerciale; del mondo come libreria e della libreria come mondo; delle librerie universali e delle mie librerie private: di tutto ciò parlerà questo libro, che non molto tempo fa se ne stava in una libreria, in una biblioteca o su uno scaffale di un amico e che ora, lettore, anche se forse soltanto temporaneamente, è entrato a far parte della tua personale biblioteca."

Un titolo che racchiude la vastità del mondo di carta. Di quell'universo che ogni lettore degno di questo nome ha dentro e fuori la sua testa, dove gli amici sono le parole e le pagine sono le loro case. Che solo una persona che ama profondamente i libri e tutto ciò che gira loro intorno avrebbe potuto scrivere riguardo un argomento di tale vastità è palese ma la maestria con cui l'autore si destreggia tra le righe della sua opera è un piccolo miracolo. Nonostante la complessità del tema Carrion è riuscito a dare concretezza a ogni evento da lui raccontato in maniera da permettere ad ogni cultura di avere la propria parte all'interno del saggio; ciò è stato possibile grazie al fatto che lo scrittore Jorge Carrion è in realtà un'esperto di editoria e di libri essendo un critico, laureato in lettere all'Università di Barcellona dove attualmente insegna scrittura creativa.
Leggendo questo saggio -perché chiarisco subito che non ha la minima traccia di romanzo, benché scorra rapidissimo sotto le dita del lettore curioso- si viene proiettati non solo nella magia della creazione di un romanzo e delle storie che esso contiene ma anche in una dimensione più reale, cioè l'aspetto concreto legato alla sfera economico-commerciale. Non fatevi ingannare dall'apparente difficoltà dei temi poiché in verità anche un trattato di filosofia medievale potrebbe essere spiegato in maniera semplice se solo il critico fosse abbondantemente competente nell'ambito di sua pertinenza: vi assicuro che lo spagnolo Carrion rientra certamente in questa fascia di studiosi. 

martedì 27 ottobre 2015

Play a Book: Scrivimi ancora e Mika

*E se libri e canzoni si fondessero? Diventassero un tutt'uno? La magia delle pagine si mescolerebbe con la melodia delle note. Le nostre orecchie sarebbero impegnate ad ascoltare i dolci suoni mentre i nostri occhi continuerebbero imperterriti la lettura della storia. Io e Francesco saremo con voi ogni 27 del mese per collegare con un sottile filo una canzone e un romanzo. E un romanzo con una musica*
Nessuno si ricorderà più di Play a Book, rubrica che ha avuto una brevissima durata nel mio blog: una sola puntata. Ridicolo, lo so. Ma è stata causa di forze maggiori: Nic de -L'annusatore di libri- ha preso la decisione di chiudere il blog qualche giorno dopo dalla pubblicazione del post fatto in collaborazione. Ormai Nic, nonostante a volte lo senta ancora, non aggiornerà più il suo blog, o almeno non lo farò per un tempo indeterminato ma piuttosto lungo... e quindi la rubrica cambia compagno di avventura: Francesco da La quintessenza dei libri di cui vi ho parlato svariate volte nei post più vari e che quindi probabilmente conoscerete già; e se non è così questo è il momento giusto per visitare il suo angolino libroso quanto il mio! Se ve lo state chiedendo no. Non è una scelta di ripiego. Ho aspettato un anno per poter proporre questa rubrica nel rispetto di Nic ma Francesco è stato il primo blogger a cui ho pensato con cui condividere questo percorso libresco e musicale insieme; è sempre stato disponibile, affidabile e ovviamente apprezzo il modo in cui lavora quindi... eccoci qua con questo progetto particolare che vi accompagnerà (si spera) per tanti tanti mesi ancora.
Scrivimi ancora di Cecelia Ahern
Rosie e Alex si conoscono sui banchi di una scuola di Dublino e iniziano a scriversi messaggi su biglietti di carta. A poco a poco diventano inseparabili fino a quando quelle lettere tradiscono un sentimento nuovo, che li confonde e li appassiona. Un amore impossibile da esprimere, con tutte le contraddizioni tipiche di quell’età. Ma quando i due prendono coscienza di ciò che li lega veramente, Alex deve abbandonare Rosie e trasferirsi con la sua famiglia negli Stati Uniti. Straordinario collage di lettere, e-mail, bigliettini, sms e cartoline, Scrivimi ancora è un romanzo delicato e indimenticabile che a ogni pagina commuove e fa sorridere al tempo stesso. Una storia sugli scherzi del destino e sulla forza del vero amore.
All I know is you held the door
You'll be mine and I'll be yours
All I know since yesterday is everything has changed
Non sempre è così facile associare un romanzo ad una canzone ma ammetto che questa volta non ho avuto alcun problema. La storia della profonda amicizia tra i protagonisti del romanzo della Ahern non può che ricordarmi Everything has changed, cantata da Taylor Swift e da Ed Sheeran. Dal video, per chi non ha ottima padronanza della lingua, ci sono le immagini di due bambini nei corridoi della scuola, che crescono assieme, e condividono la loro vita. Anche qui il fattore 'amore' è tralasciato ma quasi sottinteso. Francy






Hello, it’s me
I was wondering if after all these years
you’d like to meet
To go over everything
They say that time’s supposed to heal ya,
Stavo ascoltando una playlist su Youtube, quando, ad un certo punto, sento una voce familiare che canta però qualcosa che ancora non conosco. Scopro così Hello, la nuova canzone di Adele, rilasciata pochi giorni fa. L'ho adorata fin dal primo momento: la melodia è malinconica e avvolgente, mentre il video in bianco e nero rimanda delicatamente a una relazione a cui si ripensa a distanza di anni. Ascoltando meglio le parole, mi sono subito accorto di un'affinità con la storia di Alex e Rosie. Ricordi, solitudine, polvere, anni, chilometri. Passione. Che ancora brucia.
Francesco

lunedì 26 ottobre 2015

Never Say Book compie due anni... grazie a voi!

Sono in ritardo di ben due giorni nella pubblicazione di questo post, che si sostituisce alla Weekly Life. E' da tempo che voglio scrivere qualcosa di bello, di profondo per il compiblog di Never Say Book ma ogni volta non ce la faccio; alla fine, un po' sfalsata con i tempi, ho optato per un post scritto di fretta, la sera della domenica successiva alla giornata fatidica. Beh, meglio tardi che mai, giusto? Trovarsi a scrivere post come questi è sempre difficile. A volte le parole ti scorrono davanti e nemmeno te ne accorgi ed altre la pagina bianca rimane tale. Sarà che forse in realtà non so bene cosa rappresenti per me il mio Angolino e neanche cosa sia il resto della blogsfera per me... un mondo solamente virtuale? Non credo... forse sarò stupida, forse ancora non avrò capito che il web è assolutamente-pericoloso-pieno-di-malintenzionati ma come avrei potuto? Quando trovi uno scambio di opinioni, quando due anni passati a scrivere i miei pensieri mi hanno fatto crescere e conoscere persone reali, seppur dall'altra parte di uno schermo?
Sto divagando. Ma le prossime righe saranno tutte così: un'insieme di parole senza senso, che si accavallano una all'altra in una miriade di piccole emozioni che in realtà sono ricordi. Ricordi del primo follower, ricordi del primo commento che sembrava quasi un miracolo, e poi quell'imparare ad entrare in contatto con una realtà del tutto nuova, fatta di persone che amano scrivere e che amano leggere. Mai dimenticherò il primo giveaway che mi aveva portato via tanto tempo, passato a scervellarmi per comprendere che cosa fosse. Mai scorderò la collaborazione con Giusy sotto il periodo di Natale, un evento che non aveva avuto un grandissimo successo ma per me (e presumo pure per lei) era speciale. Mai smetterò di ricordare i primi apprezzamenti alla mia maniera di scrivere che, nonostante non sia eccezionale, era sempre stata vista solamente dai professori che potevano elogiarmi al massimo dandomi un 8 nel tema d'italiano. Sì. Forse non ricorderò tutto e certamente alcuni momenti difficili non mancano. Alla fine stare qui è come stare lì fuori, nel mondo, dove passo (fortunatamente) la buona maggioranza della mia vita; ma il mio angolino me la completa, a suo modo. Mi ha fatto capire che leggere insegna molto di più di ciò che sembra; ogni libro -anche il più insignificante- si prende un pezzo di te e ti lascia una parte di lui; e poi che il mondo è molto più grande e vario di ciò che appare dalla ripetitiva routine quotidiana e che le persone con interessi simili ai tuoi non mancano mai. Le sorprese che il mio Angolino ha riservato per me sono state tante. E sono certa che non finiranno presto.

martedì 20 ottobre 2015

Wish List #14: too many books

*Wish List: Sono sicura che a tutte è capitato almeno una volta di rimanere con il naso incollato a una vetrina ad ammirare un oggetto che le ha fatto brillare gli occhi, che questo sia un vestito, una collana o ... un libro. Ecco qui la rubrica nel quale posterò i romanzi che mi hanno conquistato a prima vista...e ovviamente voi siete chiamate a fare lo stesso nei commenti.*
La Wish List è la rovina di ogni lettore. Comincia ad allungarsi e continua a farlo all'infinito e i libri che riescono ad uscire da questa trappola sono una misera parte di quelli che ne entrano a far parte. Ho cambiato l'impostazione di questa rubrica in maniera da renderla molto più immediata e soprattutto per far sì che le storie che vi propongo possano entrare anche tra i vostri desideri. Sono troppi i libri che troverete qui sotto. Siete avvisati. La prima volta avevo sei anni tratta di un tema forte come l'abuso sui minori; sono sicura che potrebbe essere una lettura difficile ma capace di donare molto; di John Boyne ho letto solamente il famosissimo Il bambino con il pigiama a righe ma non mi spiacerebbe allontanarmi un po' dal genere drammatico per addentrarmi nella storia de La casa dei fantasmi, di cui Mr. Ink aveva fatto una recensione che mi aveva convinto pienamente. Di Cecelia Ahern prima o poi dovrò leggere tutti i romanzi quindi mi sembrava il minimo cominciare ad inserirne un altro in Wish List, dato che ho in lettura Ps I love you. Ho sognato di te vorrei leggerlo al più presto anche se non so come farò a procurarmelo in fretta... ho visto sabato sera il bellissimo e commovente film con Zac Efron Segui il tuo cuore. Se ho versato tante lacrime con la trasposizione cinematografica non voglio sapere con il romanzo...
La prima volta avevo sei anni
La premiere fois j'avais six ans
Trama:
Ci sono storie talmente terribili da colpire il cuore di chi ha il coraggio di stare ad ascoltare. La storia di Isabelle, per esempio. Una bambina di appena sei anni costretta a subire l’abuso del padre che, protetto dal silenzio, profana il suo corpo e la sua anima. Una storia sporca che si trascina finché, raggiunta l’adolescenza, Isabelle trova il coraggio di ribellarsi e di denunciare il suo violentatore. La galera per il mostro che l’ha messa al mondo, però, non basta a cancellare un male così grande. Anche perché lo stupratore se la cava soltanto con sei anni di prigione. Isabelle cresce ma l’orrore che ha vissuto è sempre dentro di lei. È quell’orrore che, da ragazza, la spinge verso il baratro della prostituzione. Ed è sempre quell’orrore a impedirle di vivere con serenità qualunque relazione sentimentale anche se riesce, con un incredibile forza di volontà, a diventare madre. La prima volta avevo sei anni è un grido di dolore e di vendetta, è un atto di accusa troppo spesso ignorato, è un lamento scarno e feroce al tempo stesso. Un libro sincero, terribile e disperato. Ma necessario. Fondamentale per capire come troppo spesso il lupo cattivo ha il volto insospettabile delle persone che ci sono più care.



Come si scrive ti amo
Dash & Lily's Book of Dares
Trama:
"Qui dentro troverai alcuni indizi. Se ti interessano gira pagina. Se no ti prego di rimettere il taccuino sullo scaffale". Dash è un ragazzo scontroso e solitario che alla compagnia delle persone preferisce quella dei libri. Tra gli scaffali della sua libreria preferita trova una moleskine rossa, lasciata da una misteriosa ragazza che gli lancia una sfida. Lily si prepara ad affrontare il Natale più triste della sua vita. Per distrarsi un pò scrive alcuni indizi sulla sua agendina rossa e la lascia tra gli scaffali di una libreria, sperando che a trovarla sia il ragazzo giusto.






lunedì 19 ottobre 2015

Weekly Life #82

*E' una rubrica ideata da Rowan del blog Ombre Angeliche e da Reina del blog Il Portale Segreto. Consiste nello elencare le tre cose migliori successe durante la settimana e le tre peggiori. La posterò ogni lunedì.*
Le tre cose migliori:
1.  Oggi sono all'Expo con la scuola! Sono sicura che riusciremo a vedere ben poco con le file che si stanno formando in questi ultimi giorni ma... faremo del nostro meglio per godercelo!
2. Aver contattato qualche Case Editrice e aspettare la risposta per una collaborazione: finger crossed ♥
3. Sabato ho visto un film che è entrato a far parte dei miei preferiti: Segui il tuo cuore. Un drammatico che parla del legame tra fratelli e affronta il tema della morte di un proprio caro.

Le tre cose peggiori:
1.  Aver passato il week end a fare tavole di tecnica!
2. Fra poco è il compiblog di Never Say Book e non ho ancora organizzato niente!
3. Ho una recensione in arretrato! Devo sbrigarmi a parlarvi di ''Librerie''

domenica 18 ottobre 2015

Segnalazione: 6 novità 6 autori


Buona domenica, Lettori ♥ Come stato passando il week end? Io tra studio, tavole di tecnica e beh... per fortuna anche un po' di riposo! Oggi sono qui per recuperare un po' di email in arretrato delle ultime settimane; se siete blogger proprio come me saprete perfettamente cosa voglia dire rispondere in maniera puntuale ai tantissimi messaggi che arrivano giornalmente, tra Mail e Facebook. E' certamente qualcosa che fa piacere (tranne in rare occasioni in cui autori ti scrivono per elogiare il loro libro... beh, ma quelle evito di considerarle più di tanto) poiché alla fine ti senti ricompensata dal dal lavoro che fai nel tuo Angolino. Questa domenica vi mostro ben 6 romanzi, usciti in questo periodo, di 6 diversi autori.


Quelli che stanno peggio
Prezzo: 15.00 euro
Pagine: 169
Casa Editrice: Edizione Eve
Autore: Mara Boselli
Trama:
Nella vita è importante imparare a guardare tutto nel modo giusto e con la giusta prospettiva. Per chi ha problemi di vista, come Michela, questa può dimostrarsi un’impresa impegnativa. In Quelli che stanno peggio, la protagonista ci guida attraverso il suo mondo fatto di importanti vittorie personali e rovinose cadute. Animato dallo studio, dal lavoro e dalle sue tante passioni. Abitato da amici, amori e dalla sua numerosa famiglia. Tanti incontri che la accompagnano in un percorso interiore profondo e che le insegnano anche a vivere meglio la sua disabilità.



Dralon
Prezzo: 15.00 euro
Pagine: 264
Casa Editrice: youcanprint
Autore: M. C. Willems
Trama:
La famiglia Moffet è una famiglia come tante. Conduce una vita semplice e tranquilla in una graziosa casetta a due piani nei sobborghi di Londra... questo, fino a quando non riceve, per mano di uno strano postino, un misterioso pacco che la catapulterà, senza volerlo, in un mondo sconosciuto e fantastico; un mondo al contrario, popolato da bastoni e ciottoli parlanti, scarpe che danno il benvenuto, custodi di sasso, lampade e calderoni magici, indovini burloni e fiammiferi urlanti in grado di svelare strade segrete. Un magico e avventuroso viaggio che porterà i protagonisti a scontrarsi contro malvagie forze oscure e a percorrere gli impervi sentieri del cambiamento e della crescita interiore.


mercoledì 14 ottobre 2015

Scatti librosi: da Instagram all'Angolino

Buongiorno Lettori ♥ Come procedono le vostre letture? Il saggio Librerie che sto leggendo in questi giorni è molto interessante benché un po' pesante, soprattutto dopo aver passato mattina e pomeriggio sui libri di scuola. E' un po' come studiare italiano ma almeno non verrò valuta e nemmeno la mia recensione subirà questa cattiva sorte
Qui per voi questo mercoledì un post easy-easy, poco impegnativo però non si discosta di un millimetro dall'ambito libresco; mi limiterò solo a farvi vedere alcune immagini che ho condiviso nelle ultime settimane su Instagram (e su Facebook). Per gli (s)fortunati che non hanno questi social ho avuto l'accortezza di lasciarvele qua, con relative didascalie.
Visualizzazione di IMG_20150906_091749.jpgVisualizzazione di IMG_20150909_151504.jpg
6 settembre. Eccomi Lettori ❤ finalmente mi sono decisa ad aprire un account Instagram per il mio Angolino. Ormai seguivo con il mio profilo personale troppi blog libreschi per non fare questo piccolo-grande passo. Ringrazio tutti coloro che hanno cominciato a seguirmi soltanto per "fiducia" poiché non avevo pubblicato ancora nemmeno una singola immagine. cercherò di essere il più presente possibile condividendo con voi ciò che posso di libroso.
9 settembre. Un libro di Cecilia Ahern trova temporaneamente posto nella mia libreria ❤ poi tornerà in biblioteca in attesa della prossima lettrice.
Visualizzazione di IMG_20150913_211832.jpgVisualizzazione di IMG_20150930_174013.jpg
13 settembre. Ed eccoci all'ultima sera prima della fine delle vacanze estive 💙 prima di addormentarmi leggo...I libri in ogni caso mi faranno compagnia tutto l'anno 
30 settembre. E oggi potete "ammirare" le mie nuove entrare in libreria... relativamente nuove in realtà :) ve le mostro nella nuova puntata de In my mailbox sul mio blog
Visualizzazione di IMG_20151004_090918.jpgVisualizzazione di IMG_20151005_215821.jpg
4 ottobre. E con la febbre non posso nemmeno leggere... ma solo studiare. ma presto riuscirò a pubblicare qualcosa anche se magari non sarà una recensione
5 ottobre. Dopo aver studiato fino alle nove di sera si riesce a trovare anche la forza di leggere e poi ti ritrovi un capitolo che si chiama "RIP" ... questa giornata è iniziata male e finirà male XD me lo sento.

martedì 13 ottobre 2015

Tag: I love books

Buon martedì, Lettori ♥ Come passerete questa giornata autunnale? Forse in pochi avranno la fortuna di stare in compagnia di un libro per tanto tempo... insomma, io non ne ho il tempo nemmeno di domenica quindi sono certa che la vostra situazione non possa essere molto distante dalla mia. Oggi, se volete dedicare qualche minuto prezioso al mio Angolino, vi propongo un tag: sapete che li adoro ma... è davvero da molto che non ve ne propongo uno nonostante in molti mi hanno citato nei loro post in maniera che io ne faccia. Proprio questa domenica Ire Sbrando, del blog Fanasyfordreaming, mi ha taggata e la ringrazio davvero molto! ♥
Eh sì, chi mi segue da molto tempo ormai potrà addirittura immaginare le risposte che mi accingo a dare ma non si sa mai che qualche lettore paziente abbia voglia di passare un po' del proprio tempo a farsi gli affaracci (libreschi) della sottoscritta. Pronti? Vi aspettano una decina di domande! E se vorrete rifarlo non può che farmi piacere, benché non lo abbia inventato io. Beh... 3,2,1... proseguite! 
♥ L'ultimo libro che non sei riuscito a terminare. Cosa ti ha impedito di proseguire la lettura?.
C'è stato solamente un romanzo che non sono riuscita a finire; si tratta di Dark Love di Kresley Cole. Non ho la più pallida idea di come sia finito tra i miei romanzi, probabilmente un regalo poco ragionato ma tutti quei vampiri, quell'amore malato e quella fantasia un po' troppo gotica mi hanno fatto storcere il naso fin da subito... e dopo un po' ho detto basta.

♥ Un libro a cui non avevi dato particolare fiducia e che, inaspettatamente, ti è piaciuto parecchio.
C'è ne sono così tanti che non saprei proprio di quale parlarvi. Pensando a letture relativamente recenti non posso che dirvi Venuto al mondo di Margaret Mazzantini. Non è stato un mio acquisto, l'ho trovato una calda giornata di estate in cui, a corto di un romanzo per il lungo viaggio che mi attendeva, ero disperatamente in attesa del mio ordine da Book Depository. Poi l'ho visto. Tutto impolverato sull'ultima mensola della libreria di mia nonna. Ed è diventato mio e poi del mio cuore.

♥ Un libro che hai riletto più volte.
Le mie riletture sono veramente scarse. Sono una gran lettrice ma non ri-lettrice. Un romanzo che ho preso in mano una seconda volta con immenso piacere è stato Harry Potter e la Pietra Filosofale, nonostante la rilettura sia stata in lingua. Sarebbe bellissimo rituffarsi nell'universo magico del maghetto occhialuto.

lunedì 12 ottobre 2015

Weekly Life #81

*E' una rubrica ideata da Rowan del blog Ombre Angeliche e da Reina del blog Il Portale Segreto. Consiste nello elencare le tre cose migliori successe durante la settimana e le tre peggiori. La posterò ogni lunedì.*

Le tre cose migliori:
1.  La comprensione e l'appoggio di Blogger e Autori: alla fine siamo tutti sulla stessa barca. Senza tempo e tanto da scrivere, giusto?
2. Mio padre è riuscito a riportare in vita il mio computer! I miei file sono sani e salvi (vedi cose peggiori n. 1)
3. Fra poco avrò la possibilità di vedere Paper Towns: uscirà il Dvd in inglese ♥

Le tre cose peggiori:
1.  Il mio computer mi aveva abbandonato. Un virus non mi faceva più accendere nemmeno il sistema operativo... ma per fortuna tutto si è sistemato!
2. Troppe verifiche! Basta studiare. Basta.
3. Poco tempo per leggere: collegato ovviamente al secondo punto!

domenica 11 ottobre 2015

Recensione: Il libro del domani

Autore: Cecelia Ahern
Pagine: 360
Prezzo di copertina: 9.90  euro
Editore: Rizzoli

Tamara Goodwin non ha mai dovuto preoccuparsi del futuro. La vita, finora, è stata molto generosa con lei: tanti soldi, una lussuosa villa sul mare, pomeriggi di shopping sfrenato con le amiche, un fidanzato diverso ogni settimana... Ma adesso suo padre se n'è andato per sempre, lasciando dietro di sé solo dolore, incredulità e una lunga lista di debiti. Tanto che lei e la madre sono costrette a trasferirsi da Dublino a casa degli zii di campagna, Rosaleen e Arthur, che Tamara ha sempre trovato ridicoli e imbarazzanti. Nella verde e sonnacchiosa contea di Meath sembra che non ci sia proprio nulla da fare, e Tamara per la prima volta ha il tempo di stare un po' sola con se stessa, e fare i conti con il vuoto che la sua vita di prima le ha lasciato dentro. Finché, durante una delle sue passeggiate al misterioso castello di Kilsaney, si imbatte in una bizzarra biblioteca ambulante. Affascinata dalle pile di vecchi libri, e da Marcus, il ragazzo molto carino che se ne occupa, Tamara scopre un piccolo tesoro: un libro diverso da tutti gli altri, senza autore né titolo, chiuso da un fermaglio dorato. Un libro capace di raccontare ciò che ancora non è stato scritto. Complice una magia che metterà a dura prova le certezze cui Tamara si è sempre affidata, quel libro cambierà la sua vita. E la ragazza che non aveva mai dovuto desiderare nulla troverà finalmente il coraggio di inventare i propri sogni.

Credo che la maggior parte delle persone entri nelle librerie senza sapere che cosa vuole comprare, ma poi i libri magicamente le spingano a sceglierli. La persona giusta per il libro giusto. È come se sapessero già di quale vita dovrebbero far parte, in che modo possono influenzarla, insegnarla, insegnare una lezione o illuminare un volto con un sorriso al momento giusto. Ora considero i libri in modo molto diverso.
Ho sempre odiato iniziare una recensione con una citazione tratta dal romanzo di cui vado a parlare. Forse perché ho paura di dare l'impressione di non aver niente da dire o di voler trovare una scorciatoia per entrare nel cuore di chi mi legge. Oggi però non ho resistito; sarà la stanchezza che scrivere la sera tardi comporta, sarà che mi manca la fantasia o sarà che è indispensabile mostra qualcosa che mi ha stupito? Tante parole che, una dopo l'altra, sembrano avere più senso di ciò che dovrebbero tanto da sembrare uscite dalla tua stessa penna: riflettono proprio a modi specchio ci che vorresti dire e ciò che ti aspettavi da un romanzo del genere. Il libro del domani riassume quello che è lo stile dell'Ahern: quell'atmosfera magica che però ti entra dentro come fosse la realtà poiché di argomenti importanti ne tratta eccome! Certo, senza alcuna pretesa ma lo fa. Ed ecco che ci ritroviamo di fronte al tema doloroso del vuoto portato dalla morte, a quello del suicidio di una persona cara che non può che farci sentire un po' in colpa in fondo in fondo, a quello della superficialità di una società troppo legata alle cose materiali e all'avere tutto senza alcuno sforzo

lunedì 5 ottobre 2015

Weekly Life #80

*E' una rubrica ideata da Rowan del blog Ombre Angeliche e da Reina del blog Il Portale Segreto. Consiste nello elencare le tre cose migliori successe durante la settimana e le tre peggiori. La posterò ogni lunedì.*
Le tre cose migliori:
1.  Fa sempre piacere ricevere apprezzamenti sul lavoro che si fa col proprio blog, anche per piccolezze che nemmeno tu noti!
2. Organizzare un viaggio per l'estate prossima ♥ Anche se la situazione attuale non è proprio rosea...che fatica organizzare tutto! E per ora siamo al ...emh... forse 5 % D:
3. Fra due settimane finalmente... EXPO! Che ne pensate voi? L'avete visto?

Le tre cose peggiori:
1.  Aver passato il week end a letto, a studiare con la febbre... gli unici libri che mi hanno fatto compagnia sono stati quelli per scuola :(
2. Il blog ormai è abbandonato a se stesso quasi da una settimana, ma inizio a studiare appena tornata a casa e finisco di sera... dovevo programmare qualche post durante il fine settimana :(
3. Letture? Completamente a rilento! Sto leggendo ancora The Book of Tomorrow, mi sta piacendo ma... per un motivo o per l'altro è ancora lì sul comodino!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...