giovedì 7 gennaio 2016

Recensione: The death and life of Charlie St. Cloud

Autore: Ben Sherwood
Pagine: 288
Prezzo di copertina: 15.00 dollari
EditorePicador

Charlie St. Cloud era un ragazzo promettente, destinato a fare buone cose in posti importanti. Ma tutto ciò cambiò la notte in cui sopravvisse all'incidente d'auto che uccise il suo fratellino, Sam. Anni dopo, Charlie sta ancora provando a riprendersi dalla sua perdita. E' stato a casa, nel suo accogliente villaggio di pescatori del New England, ad occuparsi dei prati e dei monumenti dell'antico cimitero dove è sepolto suo fratello. Sapete, Charlie ha ricevuto un dono straordinario: può vedere, parlare e anche giocare a baseball con lo spirito di Sam. Il loro è un perfetto, magico mondo, senza guai fino a che Charlie incontra Tess Carroll, un'affascinante, avventurosa velista che si sta preparando per un giro intorno al mondo in solitaria. All'improvviso si trova a faccia a faccia con una scelta -tra vita e morte, passato e presente, tenere o lasciar andare.  The Death and Life of Charlie St. Cloud  è un romanzo romantico e coinvolgente che parla di seconde possibilità e del potere liberatorio dell'amore.  
Niente finisce fin quando non siamo noi a deciderlo perché anche una persona che non c'è più continua a vivere dentro di noi pure dopo, quando non è più in grado di starci accanto. Il dolore di una perdita sta lì, nel nostro cuore, proprio affianco ai ricordi nostalgici di un passato che non possiamo più recuperare, che vorremmo ci accompagnasse a letto per dirci che andrà tutto bene, di un passato che desideriamo sia ancora presente. Quando due persone condividono qualcosa, che sia una famiglia, un amicizia, solo una casa o una vacanza, si lasciano un pezzettino di sé a vicenda e quando arriva il momento di separarsi per uno stupido litigio e per qualcosa di indomabile come la morte avviene un'irreparabile rottura, da cui si guarisce solo con il tempo. Non sappiamo mai quanto. Nel frattempo sentiamo un gran vuoto dentro di noi che sembra volerci divorare come una bestia affamata della nostra voglia di vivere, infatti man mano se ne nutre e noi ci ritroviamo inerti e sconfitti da noi stessi. The death and life of Charlie St. Cloud meglio conosciuto come Ho sognato di te è un forte richiamo al non arrendersi, a combattere anche quando vorremmo solamente scomparire dalla faccia della Terra. Ci urla forte e chiaro nelle orecchie che c'è sempre tempo per riprendersi e darsi quella seconda possibilità che ormai ci sembra un sogno irraggiungibile e nel frattempo ci fa riflettere sul tema della morte e su quello che essa può significare per un ragazzo con una vita che appariva perfetta fin quando non è arrivata lei a cambiargli bruscamente i piani.

Ciò che rende incredibile questo romanzo è il forte legame che unisce i personaggi; sono dei sentimenti quasi palpabili, come se quando leggessi riuscissi a toccare l'aria piena di emozioni. Abbiamo il filo invisibile che unisce due fratelli, un filo che non si vede quando si è ancora piccoli e l'unica preoccupazione sembra essere chi deve scegliere che canale TV guardare ma poi crescendo il bisogno dell'altro viene a farsi sentire, perché quando si da per scontata la presenza di una persona nella propria vita poi è impossibile immaginarla senza di lei. Charlie ama il suo fratellino Sam, cercava di essere per lui il padre che non aveva avuto l'opportunità di incontrare e di dargli l'affetto che di cui un bambino così dolce ha bisogno. Ma tutto gli crolla addosso quando lo uccide. Per Charlie non conta se è stato un incidente perché il risultato è lo stesso: Sam non avrà mai l'occasione di giocare una partita di baseball come si deve, non potrà mai dare il primo bacio e nemmeno costruirsi una famiglia. Mentre Charlie sì e questo gli sembra uno sporco scherzo del destino; infondo la colpa è stata sua, no? Perché Dio ha scelto di salvare lui? La risposta arriva da Florio, la voce narrante del racconto nonché il pompiere che ha salvato la vita al ragazzo durante l'incidente d'auto: lui crede nei miracoli e ci racconterà quello di un ragazzo che ha imparato a vivere di nuovo, a darsi la possibilità di aiutare qualcuno per rendere migliore i propri giorni
C'è poi quell'inspiegabile legame che si forma quando due persone sono nate per amarsi ma non lo sanno; un tocco pittoresco e piuttosto romanzato che però dona alla storia quel qualcosa in più perché tutto ciò che orbita intorno a Charlie a Tess non è una semplice storia d'amore, dove lei semplicemente si abbandona tra le braccia forti dell'amato e rinuncia a vivere i suoi sogni. E' una scintilla che nasce nel bel mezzo del cimitero dalla solitudine di entrambi; un ragazzo che sa amare ma non vuole più farlo per aver sofferto troppo ed una donna che è sul punto di patire per un lungo viaggio da sola in mezzo al mare per trovare quel principe che ognuna di noi aspetta tutta la vita, pur ben sapendo che è un sogno e nulla di più. Una sintonia che crea una melodia particolare e permette al lettore di credere a quegli avvenimenti irrealistici che seguono al loro incontro; ma tutto sommato si tratta di un romanzo che non è fatto per chi non crede ma per chi almeno ama ed è disposto a pensare che quelle persone che gli vogliono bene saranno sempre vicino a lui, non importa come. Con questo non intendo dire che sia un libro per credenti ma semplicemente per chi concede alla parte astratta della nostra vita di prendere il sopravvento quando abbiamo bisogno di essere cullati da rassicuranti ricordi. 
Vi consiglio quest'intensa storia di vita e di morte, di amore perso e senso di colpa, di ricordi e di rimpianti che non dimenticherete facilmente se amate i romanzi drammatici. Ho visto il film Segui il tuo cuore prima di immergermi tra le pagine del romanzo, spoilerandomi completamente l'intero romanzo poiché ho notato che sono quasi identici ma nonostante ciò l'ho amato per la profondità dei messaggi che vuole trasmettere attraverso quelle frasi sempre posizionate nella pagina giusta, quasi che l'autore sentisse empaticamente ciò che il lettore volesse sentirsi dire in quel preciso tratto della storia. Alcuni l'hanno trovato ripetitivo, troppo pieno di citazione sentimentali etc. invece per me sono state il punto forte del libro, che ha permesso di portare avanti una trama così particolare senza farla pesare nella testa di un lettore distratto. E se proprio non riuscirò a convincerti neppure con le frasi che vi lascio di seguito almeno promettetemi di spendere un'ora e mezza della vostra vita per godervi il film tratto dal romanzo; anch'esso vi lascerà con un cuore dolce e con una cicatrice in meno.
Long ago when he thought he could weep no more over his brother’s death, he had investigated the biology of crying. It turned out the muscles above the eyes were responsible, squeezing the lachrymal glands, producing the runoff. Since every adult was made up of about forty-five quarts of water, there was essentially no end to the amount of tears in the world.
I miss that feeling when you go to sleep at night and when you wake up in the morning. It's the feeling that everything is all right in the world. You know, that amazing feeling that you're whole, that you've got everything you want, that you aren't missing anything. Sometimes when I wake up, I get it just for a moment. It lasts a few seconds, but then I remember what happened, and how nothing has been the same since.
I'll never forget how you opened my heart and made me feel more alive than I ever dreamed possible 
Someday, we'll be togheter. I believe that with all my heart. Until then, I want you to dive for dreams. I want you to trust your heart. I want you to live by love. 
Too many people die a little when they lose someone they love
Voto:

7 commenti:

  1. Sono felicissima che hai letto questo libro! E' uno dei miei preferiti in assoluto! L'ho scoperto grazie al film e me ne sono completamente innamorata :) Purtroppo non è famoso come meriterebbe, io lo consiglio sempre a tutti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero Vanessa? ♥ E' bellissimo quando scopri che un libro che hai amato e non è conosciuto piace anche ad altri! Per caso ne hai scritto la recensione pure tu?

      Elimina
  2. Ciao Francy! Bellissima recensione, mi hai fatto venire voglia di leggere il libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, e se lo fai dimmelo, mi raccomando!

      Elimina
  3. Mi piacciono molto i drammatici, mi piacerebbe molto leggere questo libro *.* ♥

    RispondiElimina
  4. Non ho letto il libro perché non pensavo ci fosse, però ho visto il film... Semplicemente stupendo! Mi ha fatto davvero commuovere!

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...