domenica 17 gennaio 2016

Recensione: Dralon

Titolo: Dralon
Autore: M.C. Willems
Pagine: 264
Prezzo di copertina: 15.00 euro
EditoreYoucanprint

La famiglia Moffet è una famiglia come tante. Conduce una vita semplice e tranquilla in una graziosa casetta a due piani nei sobborghi di Londra... questo, fino a quando non riceve, per mano di uno strano postino, un misterioso pacco che la catapulterà, senza volerlo, in un mondo sconosciuto e fantastico; un mondo al contrario, popolato da bastoni e ciottoli parlanti, scarpe che danno il benvenuto, custodi di sasso, lampade e calderoni magici, indovini burloni e fiammiferi urlanti in grado di svelare strade segrete. Un magico e avventuroso viaggio che porterà i protagonisti a scontrarsi contro malvagie forze oscure e a percorrere gli impervi sentieri del cambiamento e della crescita interiore.
Egot DubbetsNella mia vita da lettrice ho avuto anch'io il mio periodo fantasy, durante il quale cercavo disperatamente un romanzo che mi potesse far respirare solamente magia consentendomi di immergermi in un'atmosfera impossibile da trovare se non con la fantasia; Peccato che Dralon non mi abbia colto durante quella fase perché il mio sorriso nello scrivere questa recensione sarebbe stato ancor più smagliante di adesso;  vi starete chiedendo a quando risale questo benedetto periodo. La risposta è semplicemente scontata; dopo aver finito la saga di Harry Potter volevo un romanzo che ne fosse all'altezza, che racchiudesse gli insegnamenti più importanti senza rinunciare alla voglia di divertirsi che sicuramente è propria di ogni lettore. Sapete, prima d'ora nessun libro si era avvicinato così tanto a ciò che la Rowling era riuscita a trasmettermi mediante pozioni, malvagi dal cuore buono e quei particolari così assurdi e nel frattempo minuziosamente descritti. Mettiamo le cose in chiaro: Dralon non è Harry Potter ma se un amante della saga volesse un consiglio libresco non potrei che nominare l'opera della Willems. 

Ci tengo a precisare che la storia di Dralon non assomiglia alle vicissitudini del maghetto occhialuto amato in tutto il mondo; ci sono tantissimi libri così simili alla trama del best seller ma che poi cadono nel banale e nella ripetitività. Invece il punto forte di questo romanzo è proprio l'essere un fantasy originale in cui si respira la stessa aria allucinogena che troviamo nel mondo di Harry. In più la maestria dell'autrice sta nel saper scrivere come una narratrice esperta, di quelle che sanno qual'è il pubblico a cui si stanno rivolgendo ma sono consapevoli del fatto che anche un adulto può trarre beneficio da un libro per bambini, di quelle che non vogliono far vedere come sanno scrivere bene con descrizioni stuzzicanti ma optano piuttosto per brevi frizzanti frasi posizionate al punto giusto, di quelle che ipnotizzano il lettore così che il romanzo diventi una droga a cui non si può rinunciare, di quelle che comincia ad odiare quando leggi l'ultima parola della pagina conclusiva con la consapevolezza che dovrai attendere troppo tempo per sapere ciò che accade dopo, di quelle che però vorresti come vicine di casa per aprire un club del libro completo di tè delle cinque all'inglese.

Qui c'è ben poco di un esordio da scrittrice e ancor meno di inesperienza. Qui c'è una vita da amante della lettura e della scrittura che ha permesso all'autrice di crearsi delle solide basi per esprimere al meglio il suo innegabile talento. Dralon è quel libro che vorresti consigliare a tutti perché non gode del successo che mi merita; ci sono tante vicende più banali contenute in volumi che vengono poi etichettate come il caso editoriale dell'anno, miglior libro del secolo o comunque con un espressione scritta in caratteri cubitali sulla cover dell'incriminato. La copertina di Dralon invece è semplice, pulita, con elementi che riassumono il suo contenuto e che verranno ripresi all'interno grazie a magnifiche illustrazioni realizzate dalla stessa Willems. Sono immagini che ritraggono buffi soggetti dalle fattezze piuttosto inconsuete che testimoniano l'impegno e la dedizione di colei che è stata capace di realizzare tutto ciò. Non mi sono soffermata sulla trama perché non ce n'è bisogno; la sinossi che trovate all'inizio del post vi dice tutto ciò che un buon lettore ha la necessità di sapere; temo che rivelandovi di più possa rischiare di rovinarvi la lettura, che spero tanto farete seguendo il mio modesto consiglio.
Approfitto della mia recensione per ringraziare di cuore l'autrice che ha avuto la pazienza di attendere questo mio post e di inviarmi il suo manoscritto per posta; ovviamente un grazie deve riceverlo anche per le bellissime emozioni che mi ha permesso di provare e che sono sicura che mi permetterà di ri-provare con il seguito di Dralon. Concludo come sempre lasciandovi alcune frasi che mi sono rimaste nel cuore nel corso della lettura.
Il mondo è pieno di persone animate da buone intenzioni, peccato però che solo poche di queste ne fan seguire azioni altrettanto meritevoli e oneste. 
A chi poco non basta, niente basta.
Se fai le cose che hai sempre fatto, arriverai dove sei già arrivato.
Chi guarda tutte le nuvole, non partirà mai. 
Non indugiate oltre perché il domani prestò diventerà oggi e oggi presto diventerà ieri.
Voto:

5 commenti:

  1. Uffa anch'io vorrei tanto avvicinarmi a questo genere ma qualcosa mi blocca e non so che fare, quale scegliere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che questo romanzo potrebbe essere la scelta giusta :D

      Elimina
  2. Complimenti per la recensione! :) Questo libro mi ispira davvero molto e spero di riuscire a leggerlo presto :)

    RispondiElimina
  3. Da amante del fantasy (alla tenera età di quasi 26 anni XD)vorrei tantissimo leggere questo libro.
    Le illustrazioni sono meravigliose. *-*

    RispondiElimina
  4. Ciao
    messo anche questo tra le letture da leggere http://robbyroby.blogspot.it/2016/01/libro-da-leggere-1.html

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...