mercoledì 2 marzo 2016

Crazy Readers: Cose che nessuno sa

*Leggendo ci immergiamo in mondi creati dalla nostra fantasia... riusciremo a rendere i nostri pensieri realtà? Questa rubrica è una sfida! Scattare una foto ispirata a un libro. Chi ha avuto questa idea? Rowan e Angelica rispettivamente dei blog Ombre Angeliche e Il Castello tra le nuvole. E io con chi condividerò questo bel percorso? Con la cara Ika del blog Dreaming Wonderland*
♥Pensiero di Francy♥
Finalmente posso dire di aver letto tutti i libri di Alessandro D'Avenia, non che si sia mai presentata come una missione impossibile dato che alla fin fine sono solamente tre ma sono felice di poter affermare con tono deciso che mi hanno colpito tutti. Ognuno ha lasciato il segno nel mio cuore da lettrice; D'Avenia ha quel tocco magico capace di incantare e far riflettere, trasportandoti in un mondo realistico ma non troppo, lasciandoti la possibilità di sognare. E sperareCose che nessuno sa non è soltanto una storia di un'adolescente insicura e delusa da una vita che le ha procurato una sofferenza troppo grande per un'età così giovane. E' un romanzo traboccante di poesia. Quella che io amo soltanto se scritta in prosa: parlo di quelle frasi così semplici eppure così dirette, come ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro.
☆Pensiero di Ika☆
Cose che nessuno sa è un libro da cui non sapevo cosa aspettarmi. Avevo letto e apprezzato il primo libro dell'autore, ma questo era quasi un mistero. Mi ci sono avvicinata in punta di piedi... ma mi ha colpita fin da subito! Margherita è in quell'età a metà tra l'essere una bambina e un'adolescente, quell'età in cui ha bisogno di essere coccolata, ma che inizia a chiedere la sua indipendenza. Ma non c'è solo Margherita a popolare questa fantastica storia, ci sono tanti altri personaggi che meritano una seconda possibilità, che hanno voglia di crescere, di cambiare, di trovare finalmente la loro strada. Un libro speciale, che si lascia leggere con facilità e che affronta lati importanti della vita.
♥Foto di Francy♥
Ho scattato questa foto perché...
Potrà sembrare una scelta banale agli occhi di molti ma se non avete letto il romanzo non potete capire che Margherita è più del semplice nome della protagonista. Fin da subito è un termine che la lega con il padre perché lui -quell'uomo che poi la abbandona con una fredda telefonata- che sottolinea continuamente alla figlia il significato del suo nome: margherita deriva da una parola greca che significa perla. Colei che porta questo nome deve essere una persona rara, speciale. E la ragazza soffrirà molto per l'essersi sentita in un certo qual modo presa in giro: come è possibile allontanarsi da una persona che si ama così tanto? O forse il padre fingeva soltanto di volerle bene, considerandola una pietra preziosa senza motivo?

♥Foto di Ika♥

Ho scattato questa foto perché...
quando ho cominciato il libro, nella prima pagina, proprio nell'epilogo, mi è venuta in mente un'immagine. Il mare, non troppo calmo, non troppo mosso e sopra il cielo, con qualche nuvola, ma piuttosto bello. Però, era solo l'inizio. "Datti tempo" mi sono detta. Con lo scorrere delle pagine e della storia, quest'immagine si è andata sempre più a formare nella testa e quindi ho optato proprio per questa! Nello specifico è stata scattata ad Ostia, non so se conoscete. Comunque, nel libro si fa riferimento al mare davvero tante volte, sia per descrivere stati d'animo, sia persone, sia nomi e non c'era altra immagine più adatta, secondo il mio punto di vista.
Ed eccoci alla fine di un altro post! Ne approfitto per ringraziare ancora una volta Ika, che ormai condivide quest'avventura con me da un sacco di mesi! ♥ Anyway, che ne pensate delle nostre foto? 

Francy

5 commenti:

  1. Ma è carinissima questa rubrica oltre i libri amo tantissimo fotografare quindi sarebbe perfetta...posso farla anche io? ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che ti piaccia! ♥ Certo, puoi riproporla sul tuo blog se ti va! Prima chiede ad Angelica e a Rowan, dato che l'hanno ideata loro due per prime :)

      Elimina
  2. belle le foto nella loro stupenda semplicità, soprattutto associate a questo libro di D'Avenia che ho molto apprezzato!!

    RispondiElimina
  3. È stato il primo libro di D'Avenia che ho letto perché sarebbe venuto a tenere una conferenza su questo libro nella mia scuola e devo dire che è il libro che mi piace di più tra quelli che ha scritto. Anche gli altri sono molto belli e Ciò che inferno non è mi ha emozionato moltissimo, ma di questo amo la poesia e insieme la freschezza e la normalità della storia.

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...