martedì 25 ottobre 2016

Più felici e meno stressati leggendo

Noi lettori leggiamo perché ci piace farlo. Amiamo immergerci nelle pagine, in un mondo che non è propriamente nostro ma sentiamo ci appartiene. Ma cosa dice la scienza a riguardo? Siamo soltanto delle povere anime in pena che non capiamo cosa davvero ci rende felici nella vostra vita o leggere contribuisce alla nostra felicità? 

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità quasi cinquecento milioni di persone sono soggette a stress quotidianamente, condizione che non contribuisce certamente a farci spuntare un sincero sorriso sul nostro volto. Però sono sicura, Lettori, che la notizia che sto per darvi vi renderà immediatamente più felici: leggere è uno dei migliori metodi per scacciare lo stress.

Secondo degli studi portati avanti dall’Università di Sussex nel 2009 avere un buon libro tra le mani, anche soltanto per cinque minuti al giorno, può ridurre lo stress giornaliero del 68 %. Insomma, un metodo infallibile se si considera che è del 7 % più alto dell’ascoltare musica e quasi il doppio della riduzione che si ottiene facendo una bella camminata all’aria aperta, grazie al quale lo stress cala del 42 %. Per non considerare poi i videogiochi che falliscono miseramente nell'intento: lo stress diminuisce di un misero 21 %.

“Non importa quale libro leggi, perdendoti profondamente tra le pagine di un libro interessante puoi fuggire dalle preoccupazioni e dallo stress del mondo di tutti i giorni e spendere un momento esplorando l’immaginazione dell’autore” sostiene lo psicologo che ha condotto la ricerca.

Come sostiene Virginia Wolf un libro è capace di dividerci in due mentre leggiamo, infatti una bella storia fa perdere la percezione di se stessi ma allo stesso tempo è in grado di farti sentire completamente te stesso. Ed ecco che questa proprietà della lettura è sfruttata dalla biblioterapia, considerata quasi una nuova scienza. Può essere sperimentata in varie forme; ci sono per esempio corsi di letteratura tenuti nei carceri per i prigionieri ma anche circoli di lettura dedicati alle persone anziane. In altri casi possono essere semplicemente delle semplici attività per incrementare il piacere di leggere. Uno dei libri che è considerato un gioiellino per arrivare a ciò è Se una notte d’inverno un viaggiatore… di Italo Calvino, che tratta appunto della lettura in sé.
Se per un lettore incallito non è difficile figurarsi la lettura come un toccasana per la salute, per i più riluttanti nel prendere in mano un bel romanzo sono necessarie quantomeno delle prove scientifiche. 
Nel 2011 una ricerca mise alla luce il fatto che il cervello di coloro che leggevano di un certo atteggiamento manifestavano gli stessi impulsi nervosi che sarebbero stati provocati dal soggetto stesso nel momento in cui presentava lo stesso comportamento. Questo è dovuto a speciali neuroni chiamati neuroni specchio, ossia neuroni che si ‘accendono’ nel nostro cervello sia nel momento in cui noi facciamo un’azione, sia nel momento in cui osserviamo qualcun altro farla. Il fatto che questo meccanismo delle neuroscienze si manifesta anche nel momento in cui leggiamo vuol dire che il lettore cerca inconsciamente di comprendere le emozioni di un certo personaggio; ciò poi avrà delle conseguenze anche nel mondo reale. Dove possiamo notare che coloro che leggono tanti romanzi sono più empatici di altri.

“Narrativa e poesia sono medicine”, come precisa la scrittrice britannica Jeanette Winterson. Leggere aiuta a trattare gli altri meglio e a stare meglio. Leggere porta quasi in uno stato di trans, assimilabile alla meditazione. Leggere aiuta a dormire meglio, ad aumentare l’autostima e a non cadere in depressione. 
So che non avevate bisogno di trovare delle motivazioni per leggere ma la curiosità ha sempre la meglio.

Francy

3 commenti:

  1. Adesso è proprio scientifica la risposta da dare a chi dice che sono strana perché leggo troppo *_* grazie Francy ❤️

    RispondiElimina
  2. Bellissimo post, per l'argomento interessante e non comune sul web :) è proprio vero, leggere rilassa tantissimo. Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Francy, questo post è interessantissimo! Io sono convinta che leggere riduca stress e ansia, lo noto anche su me stessa che comunque sono una lettrice, quindi lo consiglio sempre a tutti ma i non lettori non ascoltano molto ç.ç

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...