mercoledì 15 febbraio 2017

Blogtour Strider: l'ambientazione

Buon mercoledì, Lettori. Oggi sono qui per coinvolgermi ad un'iniziativa a cui mi ha invitato a partecipare Reina, del blog Il Portale Segreto. Non sempre riesco ad aderire a blogtour o eventi affini perché sono numerosissimi quelli di cui ci troviamo circondati durante l'anno; insomma, ce n'è per tutti i gusti quindi è indispensabile, non solo per noi blogger, ma anche per voi lettori, scegliere qualcosa che interessi davvero, la cui tematica non lasci indifferente. Una trama, che potete trovare qui, che sembra un miscuglio ben studiato di elementi che partono dal distopico e che, passando attraverso il fantasy, sembrano sfociare in un romanzo strutturato come uno storico. 
Nella mia tappa vi parlerò dell'ambientazione di questo romanzo e, dalle poche righe che seguono, capiremo assieme di quanta fantasia sia dotato l'autore...
Strider è ambientato in un universo selvaggio e diverso dal nostro, che il lettore esplora fianco a fianco ai protagonisti. E’ un mondo fantasy un po’ atipico, s’inchina alle suggestioni tolkieniane ma se ne allontana con rispetto quanto a gusto ed immaginario.
La Grande Foresta è la vera protagonista del primo volume, sconfinata, meravigliosa e terribile allo stesso tempo. E’ vita e morte, ma soprattutto è il limite che separa i protagonisti da qualunque cosa vi sia al di là di essa.
Perché all’inizio il mondo di Strider non è altro che alberi, Querce Colosso e antichi sentieri ormai cancellati dal tempo, scrutati dalla relativa sicurezza di un piccolo villaggio in cui vivono una cinquantina di anime. L’ultimo villaggio esistente, raccontano i pochi adulti e anziani che vi abitano ai giovani protagonisti. Nessuno vuole rivelare loro cosa sia successo in passato, nessuno vuole ricordare, nessuno ritiene sia bene per loro sapere.
Eppure, ad un certo punto Ian ed Elana s’imbatteranno in qualcosa di completamente inaspettato: un ragazzino grosso modo della loro età, perso nella Grande Foresta e senza alcuna memoria del proprio passato.  Nora -questo il nome che i due gli daranno-, infiammerà il bisogno di abbandonare la soffocante monotonia del villaggio e il loro desiderio si avvererà… più o meno.
Il mondo di Strider è soprattutto naturale, i luoghi abitati strappati a fatica da una terra indomabile. Il piccolo insediamento di Cori è come un lumino che galleggia in mare aperto; la stessa Minharan, nel volume due, guarda con malcelato timore alla regione della quale dovrebbe prendersi cura.
Addentrandosi tra gli alberi e le pianure ci si può imbattere in animali peculiari: enormi pecore da soma, anatre tanto grosse e scorbutiche da essere perfettamente cavalcabili solo da chi non tema il rischio di spezzarsi un paio di vertebre, volatili semi-invisibili orrendamente fastidiosi e, ovviamente, predatori che te li raccomando.
E’ un universo in cui elementi arcaici si fondono con una tecnologia di dubbia provenienza e funzionalità, gli uomini convivono per modo di dire con esseri per metà animali e le istituzioni godono di una fiducia quantomeno scarsa. Forse non un posto adatto a degli eroi in fin dei conti, ma ne esiste uno così? Alla fine si protegge ciò che si ha, oppure si rinuncia. O si cerca di cambiarlo. Scegliendo una di queste ipotesi, per qualcuno, si diventa eroi.
Su tutto ciò che di buono e di pessimo c’è nel mondo di Strider aleggia la minaccia della Nebbia Nera, un’impenetrabile ed incomprensibile cappa oscura che prima degli avvenimenti narrati avvolse improvvisamente il Nord, vomitando creature orribili e dalla ferocia innaturale. La Progenie della Nebbia Nera venne ricacciata nelle profondità oscure dalle quali era uscita, ma il sudario che ricopre il Nord rimane e per quanto si cerchi di dimenticare, nascondere, andare avanti… forse la guerra non è mai davvero finita.
Dopo avervi fatto entrare in punta di piedi nell'universo di Strider vi lascio con la possibilità di poter vincere una copia cartacea del romanzo. Qui sotto troverete il form che ptoete compilare per tentare la fortuna; per poter partecipare è necessario lasciare un indirizzo email valido e commentare almeno due delle sei tappe del blogtour, in modo da poter essere certi che chi vinca il libro lo faccia perché realemente interessato alla lettura di quello. Avete tempo per partecipare fino al 26 febbraio e se sarete così fortunati da vincere riceverete un'email entro il primo marzo.
a Rafflecopter giveaway
Insomma, in bocca al lupo a tutti coloro che fremono dalla voglia di immergersi in questo universo incantato!

10 commenti:

  1. Questi romanzi mi hanno inaspettatamente conquistato. Andrea si affaccia con indubitabile maestria nel panorama del fantasy italiano. La sua mano tratteggia con tocco leggero ed efficace un mondo variegato ma credibile, in cui il diverso irrompe nella quotidianità e trascina i protagonisti nel vortice di un'avventura meravigliosa e terribile.

    RispondiElimina
  2. Ambientazione interessante, sono molto curiosa! :D

    Fb: https://www.facebook.com/alessandra.nek.negri/posts/1515664365141192

    Twitter: https://twitter.com/AleNekPattzStew/status/831972018237104130

    Google+: https://plus.google.com/u/0/103694204427832904610/posts/MEjFAakodnk

    Tumblr: http://alenekpattzstew.tumblr.com/post/157286346582/blogtour-strider-lambientazione

    Instagram: https://www.instagram.com/p/BQi_KTpAV1i/

    RispondiElimina
  3. bellissima tappa. ammetto che non conoscevo questa saga, ma grazie a voi sto approfondendo e mi ispira tantissimo!
    Luigi Dinardo

    RispondiElimina
  4. Grazie mille a Francy per questa tappa del Blogtour, e grazie per i commenti... per chi desiderasse avere ulteriori informazioni su Strider, segnalo il mio angoletto in rete: https://stridersaga.jimdo.com/

    Andrea Grassi

    RispondiElimina
  5. Ambientazione fantastica...sarà che amo questo genere, ma mi lascerei completamente "inghiottire" da queste pagine!!! *__*
    venera.lowe@gmail.com

    RispondiElimina
  6. Mi ha incuriosito parecchio..vado aventi per scoprire qualcosa di più di questo libro..sto recuperando le 3 tappe e avendone messa una nel form lascio qui la condivisionefacebook di questa..spero che verrà presa in considerazione ugualmente https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=10208542857065700&id=1136581970

    RispondiElimina
  7. Ciao! :D
    Scusami per il disturbo, volevo invitarti al TOTO-OSCAR che anche quest'anno torna su Stories: in palio due ebook!
    Ecco il link:
    http://storiesbooksandmovies.blogspot.it/2017/01/toto-oscar-2017-nominations-pronostici.html

    RispondiElimina
  8. Ciao, ammetto che non conoscevo questa saga, ma mi avete incuriosito parecchio!
    Grazie dell'opportunità.
    lisa_bianconi@hotmail.it

    RispondiElimina
  9. la penso esattamente come te. Non partecipo ai blogtour come lettrice in quanto non vinco mai, e tendo a fare come blogger solo pochi blogtour dove in realtà ne parlo perché interessano a me. Quello che mi è piaciuto di questo libro, che mi ha chiamato, è il suo mescolarsi tra distopico e fantasy .. e la copertina chiama un sacco lo stile di un fumetto! spero di essere tra i fortunati vincitori!

    RispondiElimina
  10. Questo è il primo blogtour a cui partecipo come lettrice. Di solito leggo solo il post del blog che seguo di ombre angeliche. Questa volta invece ho iniziato a leggere un'altra tappa... Un'altra... È stato qualcosa di magico e ora mi tocca aspettare per l'ultima tappa arghhh. La nebbia nera, comunque, tornando al post, sembra molto affascinante. A me ha fatto venire tanto in mente eragon in generale, senza draghi e con più personaggi interessanti. Non vedo l'ora di saperne di più.

    RispondiElimina

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...