lunedì 13 marzo 2017

Recensione: Who Says You Can't? You Do


Titolo: Who Says You Can't? You do
Autore: Daniel Chidiac
Pagine: 382
Prezzo di copertina: 20.31  euro
Editore: Lightning Source Inc
Ti sei mai chiesto perché ci sono poche persone che stanno vivendo i loro sogni, mentre gli altri sembrano allontanarsene sempre di più ogni giorno che passa? Ti sei mai posto le domande Cosa sono qui a fare? Qual è lo scopo della mia vita? Chi sono? Aprendo questo libro, Daniel Chidiac, uno dei più freschi e dinamici scrittori della nostra era, guida il lettore attraverso un viaggio psicologico ed emozionale per sbloccare il suo più vero potenziale. Intraprendendo questo viaggio di 7 step, troverai le risposte alle domande che hai cercato per tutta la vita. Sii pronto ad essere incuriosito, affascinato e stupido. Non da questo libro, ma dalla tua stessa forza

Non aprite la prima pagina del libro con la sicurezza che il suo contenuto di cambierà la vita. Forse lo farà ma cominciarlo con una tranquillità che solo la mancanza di aspettativa può dare è indispensabile per godersi ogni piccola grande frase contenuta in questo scrigno di carta. Per una come me, abituata a leggere perlopiù romanzi, in cui le citazioni da annotare sul quadernino sono macchie di inchiostro in una marea di carta, trovarsi tra le mani un volumetto poco spesso ma che, se non avessi timore di utilizzare l'evidenziatore sulla carta, sarebbe un unico oggetto fluorescente... beh, è stato meraviglioso. Scritto con un linguaggio semplice -sottolineo che si tratta di un libro disponibile solamente in lingua, in Italia non si parla nemmeno di prossima pubblicazione, purtroppo- e diretto è indirizzato ad un pubblico piuttosto ampio, dal ragazzo dalle mille insicurezze a colui che non sa cosa fare della sua vita, da chi non riesce a capire cosa sia davvero importante a chi non riesce a superare una cocente delusione. Sono convinta che ognuno di noi possa cogliere un particolare diverso di ogni capitolo e farlo suo, trasformandolo nella medicina giusta per guarire quel preciso male che sta prendendo il sopravvento nella sua vita durante quel periodo. 

Scriverne una vera e propria recensione è praticamente impossibile perché le uniche cose su cui si potrebbe discutere sono il contenuto; nessuno però sarebbe in grado di riassumere i piccoli-grandi insegnamenti dell'autore nelle quattro cinque righe di una recensione. Eh sì, perché per gustare questo libro ci vuole del tempo, in quanto non basta leggere. Bisogna pure riflettere e poi applicare la propria riflessione alla vita quotidiana. Per farvi capire meglio a cosa andate incontro comprando questo libro ve ne indico la struttura; è diviso a grandi linee in ben sette step. Nel primo si parla dell'importanza dell'avere il coraggio di chiedere, del credere di poter creare qualcosa di meraviglioso -con la mente e con le mani- e della doppia faccia della nostra comfort zone. In seguito l'autore ci sprona ad affrontare la nostra vita di testa, con forza, senza lasciarci sopraffare dalle circostanze. Il terzo step tratta un tema che può interessare coloro che vogliono dare una svolta alla propria vita: il cambiamento e tutto ciò che ne deriva, come paura, la voglia di creare il proprio destino, i momenti di crisi e l'importanza della perseveranza. 
Nel quarto step si parla di ogni tipo di relazione, per poi passare alla relazione tra corpo e mente, passando attraverso una riflessione sulla necessità di mangiare sano, in maniera intelligente. La parte numero sei, quella che -ad essere sincera- ho apprezzato di meno è incentrata sull'aspetto mistico della vita, tanto che molti concetti non mi sono apparsi molto chiari così li ho lasciati affondare, facendo tesoro solamente di ciò che condividevo immediatamente. L'ultima sezione affronta il tema della vita dei vincenti, quelli che hanno il cuore pieno di amore, sanno cominciare daccapo e cercano sempre la vera felicità. Qui sotto vi lascio, come al solito, alcune frasi...

This book showed me different ways to approach certain circumstances. The way I look at life it's self . Almost every chapter there was always something us humans can relate to in our daily lives 
It takes one moment to change your course of direction, one decision that makes you step up to the greatness you deserve, and only one life to make it happen 
There was once a man who was complaining about only having one pair of shoes, until he met a man with only one leg 
A loving relationship is one in which the loved one is free to be himself - to laugh with me, but never at me; to cry with me, but never beacuse of me; to love life, to love himself, to love being loved. Such a relationship is based upon freedom and can never grow in a jelous heart. 
I've learned that people will forget what you said, people will forget what you did, but people will never forget how you made them feel 
We say things like What if or create scenarios that aren't real and tarnish our decisions right now, usually resulting in attracting those very things we tried to avoid in the first place.

Voto: 












Nessun commento:

Posta un commento

Se vuoi lascia un commento a questo post ^ ^ Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...